mercoledì 8 giugno 2011

Essenza e vita...

"In ultima analisi contiamo solo in virtù dell'essenza che incarniamo, se non la realiziamo, la vita è sprecata." (C. G. Jung)


Secondo Voi, Cosa vuole dire Jung con questa affermazione? Mi aiutate? Grazie.







19 commenti:

  1. Ciao Carissima Preziosa Marina,

    In ultima analisi contiamo solo in virtù dell'essenza che incarniamo, se non la realizziamo, la vita è sprecata. E' COME DIRE L'ATTORE HA FALLITO LA SUA PARTE IN QUEL FILM ESISTENZIALE O COME DIRE CHE SE L'ATTORE NON DIVENTA ANCHE IL SUO STESSO SPETTATORE/OSSERVATORE QUELLA PARTE NON HA VALORE...

    Ma se fosse solo questa la deduzione di C.G.JUNG vuol dire che neanche lui, in fondo, non aveva capito il vero senso della vita..... e cosa veramente c'è e si nasconde dietro le apparenze della vita...

    in tutto l'universo manifesto di questa nostra tridimensionale duale/polare realtà, nulla è sprecato, nulla è lasciato al caso, ed ogni minima inverosimile, assurda o quieta muta via ha un senso ancor più profondo di quello che si possa immaginare.... Dietro ogni illusoria apparenza c'è l'essenza di qualcosa di indefinibile..... Ci sono esseri così evoluti nel cosmo che riescono a deframmentarsi in una intera coscienza collettiva... in questa coscienza assai diversificata negli attributi, anche la presenza, anche U CIAURU conta ed ha uno scopo più profondo.... E' proprio per questo che un giorno in un post del caro Prof. Gabriele ho detto che se dovessi mettere nel confronto Castaneda con Jung, di sicuro metterei Casteneda su una montagna alta 2000 metri rispetto alla collina raggiunta da Jung... Così come metterei ancor più in alto la meta raggiunta da Steiner, un vero INIZIATO Gesù ritornato tante volte su questo piano del confronto e delle prove..... E' la via pratica la vera via che ci permette di conoscere tutti gli aspetti ordinari e straordinari/celati/nascosti di noi stessi e del mondo in cui siamo ridiscesi tantissime volte.... Tutto il resto sono e restano solo parole astratte che se non capite sono come la neve al sole... Le strade sono tantissime, ma alla fine, anche con mezzi differenti prima o poi si intraprende la via che ci conduce alla fonte di tutte le cose. L'unica limitazione, semmai è il tempo circolare, perché c'è sempre un tempo più propizio per ogni cosa, il perso è perso perchè è raro che si possano verificare le stesse condizioni che ci avrebbero permesso quel salto quantico dimensionale. Pazienza, vuol dire che in tanto dovranno ripartire dall'inizio del ciclo precedente, ma di sicuro nessuno e mai nessuno sarà rilegato ad un illusorio falso inverno... perché anche a queste anime rimaste indietro, per tante esperienze, di sicuro saranno, i trascinatori, i lider, i promotori, i tiranni e d anche i santi di tante giovani anime proveniente da ciclo precedente.... Cosi' come successe agli esseri di Marte e di Mallona che furono rilegati di incarnarsi in questa nostra terra per dare impulso a quella razza (eletta/rifiutata) che dopo fu chiamata ebraica....

    RispondiElimina
  2. volponneeeeeeeeeeee
    mi ricorda socrate , l'impegno più bello di un anima adatta ,vi pianta e vi semina con scienza discorsi che che son capaci di venir in aiuto a se stessi ed ad altri.....

    RispondiElimina
  3. Grazie Rosario per la citazione... Raf, consodero Jung un illuminato :-)

    RispondiElimina
  4. Un altro celato aspetto della vita, è essere veicolo di esperienza per tante anime disincarnate... La vita viene progettata in ogni minimo particolare e spesso le giovani anime si fondono con i gusci dell'essere incarnato per percepire, sentire, vedere, gioire o provare dolore attraverso il corpo di un umano.... Spesso è necessario che le anime che si debbono reingarnare in un nuovo nascituro corpo, sapere in anticipo tutto quello che si dovrà affrontare, e solo quanto un essere è pronto affronta il viaggio, nei casi estremi potrebbero passare anche millenni, ma sempre deve affrontare i propri ostacoli. Altra cosa, e ben altro scopo è il veicolo in cui tacitamente agiscono le entità affini come guida verso la meta che ognuno si era prefissata... Spesso il mio adorato Angelo e Maestro entra nel mio essere biologico a volte anche a mia insaputa, ma io ormai so percepirlo perché già da tempo abbiamo chiarito che tutto questo avviene perché io ho aperto la porta del mio cuore. Quella porta solo da dentro può essere aperta... Certo nel passato ed anche oggi anche se in misura minore spesso ci sono entità negative di altri universi che cercano di possedere quel corpo, ma tutto questo viene prima permesso se è stato previsto perché c'è una legge universale che vieta qualsiasi intromissione non consentita........ E ti garantisco che ci sono protettori/vigilanti o guardiani da una forza spaventosa e potentosa che potrebbero distruggere un universo intero se fosse necessario....
    Carissima Marina, vedi a cosa serve anche la vita inconsapevole..... Ci sono misteri che bisogna ricercali nel proprio cuore, gli altri ci possono fornire solo una traccia, ma quella traccia deve passare per la vera biografia di quell'entità che la tramanda, e soprattutto quella traccia deve passare non dalla sola analisi razionale ma soprattutto per la via pratica.....

    Ti pare poco quello che ho detto, o pensi che siano solo fandonie?

    RispondiElimina
  5. Carissima Preziosa Marina,

    scusami per le contraddizioni, ma sappi solo che sono sincero...

    l'illuminazione è ben altra maggiore indefinibile meta dell'essere... Jung non fu iniziato ai grandi misteri, fu solo un grandissimo ricercatore, ma non oltrepasso i veli dell'anima e tanto meno cosa c'è dietro l'anima. Il suo contributo fu notevolissimo nel campo delle psicoscienze, anche se quella scienza era già conosciuta in tempi assai più antichi, come conosciute erano le riscoperte di Tesla, che se messe in atto avrebbero proiettato questa umanità verso le stelle interiori ed anche le stelle fuori del creato....
    Indaga sul mesmerismo, sullo schiamanesimo, sulle conoscenze Egizie, e di sicuro capirai altre cose....
    I gradi per arrivare alla vera illuminazione sono tantissimi, sono quasi come la sfumatura dei colori che intercorrono tra il bianco ed il nero.... E' solo una questione di risveglio e di maggiore consapevolezza dovuta ad una maggiore elasticità del punto naturale di osservazione del guscio di luce che avvolge l'essere umano....

    Quando l'essere riesce a percepire e a spostarsi nella totalità della innumerevoli realtà allora passa al gradino delll'UOMO DIO..... Solo i grandi iniziati riescono a valicare questa soglia invalicabile per il comune mortale, ma questo richiede eoni ed eoni di evoluzione in questo od in altri piani del creato....

    Un comune professore per gli aborigini (comuni escluso gli sciamani) sarebbe un illuminato...........

    Esistono dei gradini evolutivi inimmaginabili da questo nostro tridimensionale piano, ci sono esseri interstellari di 4/5/6/7 ed anche ottava densità (per non parlare di altre ottave di coscienza superiori) rispetto alla nostra materiale duale terza densità...

    RispondiElimina
  6. è molto semplice è il "talento" che ognuno ha
    map

    RispondiElimina
  7. Carissima Maaaaapppp
    I talenti per esseri che sono ridiscesi privi dell'intelletto o impossibilitati nei movimenti di sicuro, molti non potranno mai manifestare qualche talento, ma è insondabile che la vita ha tantissimi celati aspetti che nel razionale neanche immagianimo.....

    RispondiElimina
  8. Buongiorno a tutti i cari amici ospiti del temenos di Marina e un bacio prezioso alla padrona di casa.
    Anche moi ho pensato subito ai talenti che potenzialmente ognuno di noi possiede ma l'idea che non tutti hanno la possibilita' di manifestarli come scrive l'amico Raf mi pone una domanda circa la possibilita' o meno di un evento esterno e forte che possa comunque ribaltare il tutto!chissa' se possa esserci una possibilita' per tutti...

    baci gea

    RispondiElimina
  9. ne ne ne tutti hanno un talento ANCHE QUELLO DI riconoscere i talenti dei più per così dire apparentemente privi ..e questo Marina lo sa..non ci sono persone di seria A e persone di serie B altrimenti saremmo qui sulla terra per niente, solo per sbranarci a vicenda..e invece soffriamo che bellezza eh? Voglio dire, io non parlo di -talento = sfondare nella- vita ma di essenza personale, siamo troppo martellati da notizie di gente montata ad arte dai giornali, ogni giorno me ne meraviglio, quando scopro che --la realtà è ben diversa-- da quella che ci rappresentano, quando la tale persona non è quello che ci rappresentano, perchè lo constato di persona, allora penso che siamo affamati di MITO. Cioè fagocitiamo certe "storie" perchè in fondo ci fa piacere sognare, e gli dei ci mancano..
    Ma la saggezza, l'umanità è tutt'altra cosa, E' SAPERE ASCOLTARE.Se lo facciamo troviamo il nostro talento altrimenti ci muoviamo pecore tra pecore.
    Map.

    RispondiElimina
  10. Io ritengo di non sapere nulla.

    RispondiElimina
  11. l'intelligenza del cuore apre nuove e meravigliose strade in chi non si ferma a vedere l'orizzonte soltanto e/ma si raccoglie una pietra, anche la più brutta, come espressione di quell'intelligenza, è la nostra, la nostra unica speranza di dare un senso alla vita.
    Noi, e quello che siamo, non noi e quello che gli altri vorrebbero fossimo, o quello che pigramente lasciamo che sia di noi, o quello che violentemente odiamo negli altri non distinguendo più in noi nulla che sia nostro.Il Talento di Essere Noi Stessi.ECCO cos'è.OK? MAP.

    RispondiElimina
  12. E' una giusta considerazione, questa, quella che ci pone IN ASCOLTO senza fuorvianti altre considerazioni.E' giusto dire così, ci pone nella situazione di imparare, di meravigliarci, in due parole : di evolvere.map.

    RispondiElimina
  13. quella che dici tu Marina."di ritenere di non sapere nulla".Meglio, molto meglio di chi ritiene di sapere tutto.Neanch'io so niente, so delle mie mani e di ciò che possono fare, che devo scegliere, una carezza, uno schiaffo, aprire una conserva per qualcuno che non ce la fa, oppure firmare un'assegno, o altro..basta che uno a volte riesca a pensare a sè di tanto in tanto e fare qualcosa di bello, come scrivere nel tuo blog, un momento di pace con me stessa, che mi fa evolvere, tra ognuno che dice ciò che pensa e ciò che penso io, c'è dialogo, tessitura, impegno..map.

    RispondiElimina
  14. Il daimon di Socrate, ad un certo punto, gli disse:"Dovresti darti allo studio della musica."
    Ho la vaga sensazione che esistono le coincidenze (strappi dello spazio tempo secondo Jung) perché le nostre vite viaggiamo su binari prestabiliti (mito di Er, Repubblica, Platone)... la musica, la facciamo noi. Forse...
    Baci.

    RispondiElimina
  15. Mia figlia Chiara mi ha detto questo: "Siccome la vita è questa, dobbiamo stabilire il carattere."

    RispondiElimina
  16. Ciao Carissima Preziosa Marina,
    ti ricordi cosa ti dissi tempo fa a proposito di certi angeli? Ci sono interstellari indefinibili esseri che spesso per missione si nascondono dietro certe false apparenze... perché c'è sempre un motivo più grande che li risveglierà in un tempo propizio....., non prima

    Difficile è generalizzare e tanto meno capire o giudicare dalle sole apparenze, solo il cuore sa quello che la mente non potrebbe mai capire o tanto meno percepire... E' solo un organo trasduttore....

    Un forte abbraccio ai tuoi preziosi tosti meravigliosi angeli...

    RispondiElimina
  17. ...mia figlia Chiara è tornata e ha aggiunto: "...poi, nella prossima vita si cambia anche il carattere."

    "Nel carattere il destino dell'uomo." Eraclìto

    RispondiElimina
  18. Ciao Carissima Preziosa Marina,

    Nel carattere c’è impresso l’imprintg di quella parte esistenziale che abbiamo scelto (per un celato scopo) di affrontare… per questo ho detto che l’attenta biografia di un essere, ci da una traccia di cosa si nasconde dietro la forma…

    A nessuno viene dato di più di quello che potrà sopportare, o meglio ognuno si sceglie e si programma le propri prove che la sua raggiunta evoluzione gli permette di affrontare.

    Spesso penso che mi sono imposto di distruggere questo mondo delle illusioni e delle prove per quella vera libertà dell’essere, come anche, amorevolmente di salvarlo, (NESSUNO SALVA NESSUNO QUESTA E’ UNA BEL DILEMMA NELL’OPPOSIZIONE DEGLI OPPOSTI) chissà (dal punto di vista umano e non nell’essere che già sa tutto) cosa rinascerà dalla fenice del mio essere interiore. Il daimon o l’angelo della presenza…. Saranno gli eventi che mostreranno l’uno o l’altro aspetto di me stesso che nessuna altra forza esterna potrà mai più dominare…


    Sono aspetti assai nascosti ed impensabili che si manifesteranno solo dopo, come avviene per la crescita biologica… Come è anche vero che, più si aprono quelle giuste porte conoscitive più aumenta il peso e più forza è richiesta per sopportarlo…. Finché non si raggiunge la vera soglia della vera consapevolezza…. Che va oltre questa illusoria necessaria realtà

    La riscoperta della propria natura MULTIDIMENSIONALE muta la comune via percettiva e lo scopo stesso della vita inconsapevole….

    Forse, è meglio tacere, forse a volte è meglio non dire certe cose… Ma ognuno segue il proprio destino, io seguo il mio GUERRIERO RIBELLE IMMORTALE CUORE….

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.