lunedì 13 giugno 2011

Il vero scrittore secondo Platone dovrà possedere queste tre prerogative o regole auree:

  1. Dovrà conoscere nel miglior modo possibile l'essenza della cosa di vuole parlare.
  2. Dovrà conoscere la natura dell'anima e delle sue varie forme.
  3. Dovrà costruire i suoi discorsi in funzione della capacità di recepirli da parte di quei particolari tipi di anime a cui intende rivolgersi.
(In altre parole) ecco le tre regole auree:

  1. Prima bisogna che uno sappia il vero su ciascuna delle cose sulle quali parla o scrive e sia in grado di definire ogni cosa in se stessa e, una volta definita, sappia dividerla nelle sue specie fino ad arrivare a ciò che non è più ulteriormente divisibile. 
  2. E dopo essere penetrato nella natura dell'anima, ritrovando allo stesso modo la specie adatta per ciascuna natura,
  3. bisogna che costruisca ed ordini il suo discorso in modo corrispondente, dando a un'anima complessa discorsi complessi e che comprendano tutte le armonie, e a un'anima semplice discorsi semplici.
Prima di questo non sarà possibile che si tratti con arte, nella misura in cui convenga per natura, il genere dei discorsi, né per insegnare né per persuadere. (277 BC)

(Tratto da: Per una nuova interpretazione di Platone alla luce delle "dottrine non scritte". - Giovanni Reale, Bompiani)


5 commenti:

  1. Ciao Carissima Preziosa Marina,

    è ovvio che i sani giusti principi siano questi per un vero scrittore, a parte il secondo punto che niente a che vedere con l'anima, con l'essenza dell'essere. Entrare in quei mondi interiori richiede prima conoscenza dei misteri del creato che per analogia si rispecchiano nell'essere. Spesso per naturale ispirazione le strade percettive/intuitive si incontrano, ma è anche vero che è facile cadere nell'errore di poter concettualizzare con la sola mente, tutto quello che nel nostro piano di coscienza/consapevolezza è inimmaginabile e non descrivibile con nessuna parola. E' anche vero che un buon scrittore deve mostrare saggezza nell'esporre i sui pensieri, ma mai è poi mai potrà descrivere qualcosa che non trova corrispondenza nel nostro mondo di tutti i giorni. Solo la via pratica può trasformare le percezioni in sensazioni attraverso immagini riflesse. Ecco il motivo delle parabole o il dire di tanti grandi, ma i concetti sono ben altra cosa che solo attraverso i riti iniziatici (pratici) possono portare alla consapevolezza dell'essere interiore....

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. RAF, LA POESIA APPARTIENE ALLA TRADIZIONE ORALE, IN QUESTO CASO CREDO CHE PLATONE SI RIFERISCA ALLA RIVOLUZIONE CULTURALE DOVUTA ALLA INFLUENZA DELLA DIALETTICA QUINDI DELLA PAROLA SCRITTA E DELLA SINTASSI CHE COME TU SAI STRUTTURA IL PENSIERO.
    RACIO.
    NB: DOPO IL 500 AC...IL MONDO DELLA LETTURA è POSTERIORE A SOCRATE

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Carissima Marina,
    la storia dell'uomo è assai più antica e si perde nella notte dei tempi, assai prima del tempo diluviano, al PRIMO TEMPO EGIZO ed ancor prima fino ai tempi di Atlantide e di Lemuria..
    Tu ben sai, leggendo nelle prime pagine del Timeo, che la razza Ellennica (proveniente da Marte e da Mallona) fu necessaria per salvaguardare il nuovo mondo che doveva per forza passare in quel quarto ciclo esistenziale del pensiero logico speculativo di quel ciclico RAGGIO (Arcangelo) Oggi si sa per certo che l'antica città di Troia risale a circa 7.000 anni prima dell'era cristiana e le loro origini ancor prima del diluvio universale.
    Ma come ti dicevo ancor più antica fu quella razza induista/tibetana. Secondo i saggi dettami di Thoth, la conoscenza fu seminata in ogni parte del mondo antico, ai quattro venti affinché un giorno potesse rinascere dalle sue ceneri..... Questo è il tempo delle verità.... Questo è il tempo delle rivelazioni, questo è il tempo del Consolatore che avrebbe parlato attraverso la voce di tanti.... Questo è il tempo delle trasformazioni radicali.... Questo è il tempo della tecnologia esteriore che in parte sta riesumando e rispecchiando frammenti di quell'antica scienza interiore......

    Il simbolo dietro le parole è il SUONO CHE PRODUCE EFFETTI VIBRAZIONALI IN RISUNANZA CON LA PROPRIA ARMONICA O RATA VIBRATORIA CHE PASSA PER LA STRUTTURA CRISTALLINA CONTENUTA NEL DNA .... perché alla fonte è pura luce quantica, MULTIDIMENSIONALE .che bisogna risvegliare per REINTEGRARLA.....

    MULTIDIMENSIONALE .che bisogna risvegliare per REINTEGRARLA.....

    La storia antica ci tramanda che ci un tempo in cui fu inventata la scrittura, ma prima esisteva la MEMORIA ed ancor prima la TELEPATIA......

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.