martedì 7 giugno 2011

Coincidenze e destino...


Ma secondo voi, se i sogni e i desideri sono accompagnati dalle coincidenze significative stiamo parlando di destino?

5 commenti:

  1. Ciao Carissima Preziosa Marina,
    La vita è un sentiero che passa per ungi piccolo o grande fiume e noi come particelle di cristallina acqua solchiamo ogni sponda ogni pietra che incontriamo in questo cammino... liberi di muoverci secondo la grandezza dell'ampiezza raggiunta..... fino a fonderci con l'intero mare cosmico di cui siamo parte consapevole in unitaria e allo stesso tempo divisa divina individuale totale parte.

    Il Tao è la santa via in cui ritroviamo l'unità nella separata polare dualità di questo nostro dimensionale universo.

    RispondiElimina
  2. Secondo me non c'è proprio alcun dubbio su questo!
    Nulla succede per caso...e quando coincidenze significative, già di per sè segnali del Fato, si accompagnano a sogni o desideri allora è solo destino...e non seguire quel destino secondo me è la cosa più sbalgilata che si possa fare!
    E poi..come si diceva nell'altro post, capita che un desiderio tanto desiderato diventi miracolosamnete realtà...questo è destino..
    un bacione...

    RispondiElimina
  3. Buon Giorno Carissima Preziosa Marina

    E' come tu ben dici Carissima Beatrice,

    siamo il frutto dei nostri sogni, ma nei sogno dobbiamo rientrare consapevoli per mutare la realtà che noi stessi ci siamo costruita, tutto si basa sulla legge di attrazione, e per divina concessione tutti noi siamo magneti e attrattori naturali, e per questa stessa inconsapevole natura che il nostro personale osservatore può cristallizzare il frutto dei nostri desideri. Ma prima è necessario imparare a spostare IL PUNTO DI OSSERVAZIONE, che si è fissato già dalla tenera età nel guscio di luce di protezione. Solo entrando nella voce del silenzio interiore, solo conoscendo la natura umana e tutte le potenzialità che possono essere risvegliate si può varcare la soglia invalicabile di questa nostra piccolissima illusoria olografica virtuale realtà.. La percezione ordinaria è come un punto, una finestra posta in superficie di una bolla, di una sfera luminosa. Come ben sai in ogni cerchio o superficie ovoidale sono fatti di infiniti punti.... pensa solo che basta spostare la consapevolezza in un altro punto di osservazione per entrare in altri mondi... Ma è anche vero che ci vuole anche tantissimo coraggio e soprattutto tanto cuore, che solo un impeccabile guerriero può capire...

    RispondiElimina
  4. Grazie dei vostri preziosi contributi... sul Tao sono d'accordo. Un bacione a tutti (mi pare che anonimo sia Raf, giusto?

    RispondiElimina
  5. stiamo parlando di essere sulla strada giusta, la nostra.
    map

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.