lunedì 4 aprile 2011

Il senso del gioco si svela anteriore alla volontà del giocatore e...

Una giocosa magia ha risvegliato il sacro, un'inattesa teurgia ha agito sugli dèi, resuscitandoli. Il gioco, autoctisi dell'universo, conduce nei paraggi dell'Olimpo. Per restare nel gioco, chiamiamo dèi il senso del divino e le manifestazioni del sacro, usando il nome antico e brillante di queste giocose entità soprannaturali. Non un rigurgito di paganesimo, semmai l'aspirazione a raccontare il sacro tramite il mythos.
 (Marcello Veneziani)


4 commenti:

  1. Cara Marina,in questo post ritrovo tanto del mio mondo interiore...tutte le divinita' che vi fanno parte per raccontare il sacro.
    prendero' questa foto perche' proprio nei giorni scorsi ho acquistato un orecchino con le piume...capricci di primavera.
    ciao dea...

    RispondiElimina
  2. Ciao cara, spesso vi penso. Un bacio a tutti e tre, dillo agli altri due se lo ritieni opportuno.

    RispondiElimina
  3. ...non lo ritengo opportuno ma necessario per mettere in circolo Amore.
    anche noi pensiamo a voi...

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.