mercoledì 22 dicembre 2010

Storiella su : "Aiutati che Dio ti aiuta..."


C'è una storiella su un uomo devoto e pio la cui vita era messa in pericolo da un'inondazione. Le acque stavano salendo rapidamente, l'uomo era costretto a rifugiarsi sul tetto di casa sua, ma il livello dell'acqua continuava ad aumentare.
Alla fine venne a salvarlo una barca della polizia. "Sali a bordo!" urlò il poliziotto.
"No" rispose l'uomo "Ho vissuto tutta la mia vita come uomo devoto e caritatevole. Dio mi proteggerà."
"Non essere sciocco" replicò il poliziotto "Sali sulla barca. Le acque continueranno a crescere e tu corri un grande pericolo!"
L'uomo continuò a rifiutare e la barca se ne andò.
Il livello della piena in realtà continuava ad aumentare. La barca di salvataggio ritornò altre due volte, l'uomo rifiutò di salire a bordo.
Presto l'alluvione sommerse l'intera casa, compreso il tetto, e lui annegò.
In cielo incontrò Dio. Furioso perché non lo aveva salvato, l'uomo si lagnava ad alta voce.
"Ti sono stato devoto per tutta la vita. Ho osservato tutti i comandamenti. Ho elargito grandi somme in beneficenza, e l'unica volta che ho chiesto io qualcosa, tu mi hai abbandonato!"
"Ma ti ho mandato la barca tre volte" rispose Dio "Perché non ci sei salito?"

6 commenti:

  1. VOLPONNNEEEEEE
    è vero quello che dici ,c'è pure il paradosso di chi l'ha sempre cercato e mai si è fatto sentire
    per la serie dio da il pane a chi non ha i denti

    RispondiElimina
  2. WEEEEEEEEEEEEE AMOREVOLI VOLPONIIIIIIIIIIIIIII – BUON GIONO -
    ridendo con le lacrime, dico solo che il povero inconsapevole uomo , malgrado tutto il suo prezioso bonismo, ancora non aveva capito che DIO E' DENTRO E NON SOLO FUORI DI LUI come non aveva capito tutto quel lavaggio del cervello che ha subito dietro amorevole parole e stati comportamentali, ma che escludono la vera libertà dell'essere di ragionare con la propria testa, e riscoprire se stesso guardando non fuori, ma dentro il suo stesso cuore, nella CHIESA INTERIORE DEL SUO TARBERCAOLO .

    RispondiElimina
  3. RAF e ROS,
    questa storia è proprio forte......baci!!!

    RispondiElimina
  4. si Carissima marina, rido anche per il mio errato tarbercaolo, sarà forze da coniare come "tarber" + "caolo"? ma penso abbia un suo preciso significato....

    RispondiElimina
  5. Tanti auguri di buon Natale a questa splendida penisola..

    RispondiElimina
  6. GRAZIE CERASELLA BUON NATALE A TE, CARA.

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.