domenica 5 luglio 2009

Luce...

Van Gogh, NOTTE STELLATA
Così Vincent Van Gogh vede una notte stellata risplendere su lui, così il grande pittore rispecchia sé stesso nel cielo notturno che lo sovrasta ed è un cielo luminoso, carico di impressioni, interiori.
E' nella natura dell'uomo osservare il cielo, rapportarsi ad esso, cercare in esso una chiave di lettura, delle risposte, dei segni ... un sen-so, a noi stessi, principalmente ...


Se guardo il cielo tu sei l'infinito per me
ma è sulla nuda terra che ti voglio incontrare,
nella fragilità della carne che ti voglio amare;
e questo pensiero s'ammanta di luce.
(Marina)
Non siamo Angeli, né puro spirito: siamo anime incarnate. Nel saper riconoscere ciò risiede la vera umiltà. (Modellati, forse?)

17 commenti:

  1. Buongiorno Stella del cielo, sai che questo quadro ho avuto la fortuna di vederlo lo scorso marzo ad Amsterdam, al Van Gogh Museum... che emozione vederlo da vicino!! Non so spiegarti la sensazione che emanava, il rapimento che ne derivava...

    Io mi sento come una di quelle piccole stelle, piena di luce dentro, che osserva, scruta e attende di brillare più luminosamente!

    Sei adorabile cara e non riesco a smettere di sorprendermi nel leggere i miei stessi pensieri! La tua ChiaraStella

    RispondiElimina
  2. Bella, Buongiorno, Brilla... Chiarastella... di luce propria.

    RispondiElimina
  3. Buon Giorno Carissima Marina,
    un’altro problema, un’altro quesito, altre riflessioni che s’innalzano per andare oltre l’illusoria forma esteriore, giuste SIGNIFICATIVE ISPIRATE COINCIDENZE per tanti assai cari amici che nasce dai tuo meraviglioso passionevole amorevole illuminato CUORE.

    Tante sono le vie per arrivare alla luce dell'anima e dopo all’indefinibile inimmaginabile ESSENZA DELLO SPIRITO IMMORTALE.

    L'arte è quel celato linguaggio che dai mondi superfisici, dai mondi superiori dai mondi spirituali, attraverso le muse ispiratrici giunge nei sacri reami della radiosa anima per risalire attraverso l'amorevole passionevole cuore nel regno della forma, delle apparenze del confronto per essere come un radioso fiore da contemplare alla luce del sole.

    L’ISPIRAZIONE E’ ATEMPORALE, MA SPESSO PREANNUNGIA IL FUTURO.

    Vincent Van Gogh vede quella notte stellata (non sono proprio stelle) FUTURA.

    Guardare con altre prospettive porta a una visione più chiara, più esatta e con meno errori d’interpretazione dal punto di vista dell’osservazione e dell’osservatore che contempla sé stesso.

    RispondiElimina
  4. RAFFAELE,
    bella questa riflessione di una notte stellata futura (destino? Sen-so? Luce?)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Suppongo che gli occhi di Van Gogh fossero speciali Marina!
    Anzi, non è una supposizione!Ne sono certa.
    Occhi comuni non possono vedere così il cielo.

    Notte stellata è poesia sulla tela.Una merviglia!

    L'umiltà di cui parli, appartiene a pochi.
    Vedo molto delirio di onnipotenza e... in questi giorni ne vedremo delle belle al party...o camping dovrei dire?

    Un bacio grande.

    RispondiElimina
  6. Grazie tesoro mio, sì... sei diventata un tesoro, una risorsa e anche tu splendi, te l'ho detto fin da subito, è meravigliosa la tua luce, ma non cercare di attenuarla, esplodi nella tua brillantezza, non aver paura...tutti se ne innamoreranno!!

    ChiaraStella

    RispondiElimina
  7. GUERNICA,
    immagino che ti riferisci al g 8 o g14 o quant'altro... l'unico che mi piace è OBAMA.

    RispondiElimina
  8. CHIARASTELLA,
    speriamo...di esplodere e d'innamorare...

    RispondiElimina
  9. stamattina mi sono svegliato con questa canzone...rispecchia un po' il mio ideale di ragazza e di amore..la dedico a te e a tutti gli amici di Anima (purtroppo le sole parole non rendono come con la musica...):

    La mia ragazza (Luca Carboni)

    La mia ragazza è un fiore che vedo sbocciare
    sulle lenzuola dell'ospedale
    sul suo vestito bianco il suo viso stanco
    piange gocce di rugiada
    la mia ragazza è l'Africa, è calda e limpida
    la mia ragazza è tutto il mondo
    ... e tiene in braccio il suo bambino
    apre gli occhi è piccolino...
    La mia ragazza è terra, è carne e sangue
    dal suo seno nasce il grano
    la mia ragazza è anima, spirito e preghiera
    dal suo cuore nasce amore
    è un raggio di sole che illumina la stanza
    la mia ragazza è mia per sempre
    ... e tiene in braccio il mio bambino
    chiude gli occhi è piccolino
    e tiene in braccio il mio bambino
    apre il becco è un uccellino...
    Infermiere, ostetriche, pediatri e dottori
    poi i re magi ed i pastori
    e questo è il centro di tutto il pianeta
    in cielo la stella cometa
    ... e tiene in braccio il suo bambino
    apre gli occhi è piccolino
    e tiene in braccio il mio bambino
    muove le ali è un uccellino...
    Sta tutto dentro ad una mano
    apre le ali è già lontano...

    Ciao Buona giornata e Buon Party...ma dove si festeggia...??...no martini no party...:-)

    Marco

    RispondiElimina
  10. Bellissimo quadro....lui era un genio...un genio nel catturare attimi di immenso e nel trasmetterli con l'intensità della sua anima!
    mi emoziona sempre!

    RispondiElimina
  11. MARCO,
    non trovo le parole per ringraziarti di questo commento...

    RispondiElimina
  12. Ciao Marina bellissime le tue frasi...sprigionano amore e sensualità...in un contesto indeinibile...spero un giorno di incontrare la persona giusta a cui poterle regalare....
    grazie....

    RispondiElimina
  13. Notte della sua anima...le stelle che vede sono i suoi pianeti interiori che agitano e muovono..

    Ciao bedda!!!

    RispondiElimina
  14. CALLIOPE,
    certo, i suoi luminosi pianeti interiori...

    RispondiElimina
  15. Ciao, Marinariannachiara. Ciao, amici di Anima; perchè noi siamo amici da parte di Anima, vero?
    Possano quelle stelle brillare dentro e accompagnarci ovunque; decorare la notte della città sconosciuta...E sarà comunque casa nostra!
    Valeria D.A.

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.