mercoledì 25 febbraio 2009

Sognare l'Amore Eterno...a dieci anni.

Renè Magritte, IL CASTELLO

Mio cugino Giancarlo ha trentacinque anni, è un Fool dell'anima, una persona molto cara, sensibile, rispettosa ed educata. Oggi mi ha telefonato e, mentre parlavamo, improvvisamente, mi ha chiesto se io abbia mai sognato "L'AMORE". Io gli rispondo che sì, una volta, ho sognato un uomo che mi prendeva per mano ed insieme ci incamminavamo su un sentiero...e che quello m'era parso "L'AMORE".

Vedi mio post precedente:

Allora lui mi dice:

  • Senti, Marina, che sogno ho fatto io a soli dieci anni: Non posso dimenticarmelo:
"Mi trovo nei luoghi della mia infanzia, come il bambino che sono. Ad un certo punto vedo un'apertura in una stradina in discesa: un cunicolo che si apre davanti ai miei occhi all'improvviso, io lo imbocco e questo diventa una grotta. Ad un certo punto vedo davanti a me uno spaventoso Minotauro e dietro di lui una fanciulla, sua prigioniera. Allora io, piccolo come ero, mi getto in una lotta furibonda a mani nude con il Minotauro...e lo sconfiggo, liberando la giovane. Lei è felicissima e m'invita a seguirla nel suo Castello, sì, perché lei è una principessa, bellissima. Usciamo insieme dalla grotta e ci ritroviamo nel suo meraviglioso Castello sulle Nuvole. Lei ha i capelli biondi ed vestita d'azzurro cielo: L'AMORE. (Ecco, in quel momento, in me c'era la massima apertura alla vita: più di quello non potevo avere, ero a casa e lei era la parte mancante di me, la mia altra metà, a dieci anni...e, la mattina dopo, naturalmente, mi risvegliai a casa mia, quella reale, con la tristissima sensazione che può provare una mela quando è spaccata a metà. Ero profondamente reciso da qualcosa a cui sentivo di appartenere.)".

Allora io chiedo a Giancarlo se qualcuno, all'epoca, gli avesse mai parlato del Minotauro, prima di quel sogno, insomma e lui mi risponde ironico:
  • Figurati se in Caprese Michelangelo, alle scuole Elementari, la maestra ci parlava di minotauri, Marina!
  • Già. E che devo dirti Giancarlo, sarà un caso, chiamala coincidenza o come ti pare, ma solo ora mi rendo conto che io, da quando stiamo parlando, ho tenuto fra le mani un libro di Robert Weiss "MOLTE VITE UN SOLO AMORE". Prima che tu mi chiamassi, mi stavo accingendo a pubblicare un post nel mio blog sull'argomento. Ieri mi aveva colpito una frase contenuta in questo libro "TUTTO E' AMORE..." e, poi, c'era stato anche un mio amico che, partito dal Nord verso Sud solo per rincorrere un sogno/ricordo, m'aveva spedito dei versi... Se non bastasse, sarà un caso anche questo, da stamattina, sono letteralmente bombardata da canzoni che parlano d'amori eterni e da immagini, discorsi altrui e scritte sull'anima gemella. Quindi, la tua telefonata mi sembra proprio una Coincidenza Miracolosa: grazie per la tua storia/post che, evidentemente, devo proprio pubblicare.

13 commenti:

  1. ......l'Amore è un sogno che tutti rincorrono..a qualsiasi età perchè è come l'aria che respiriamo...necessaria...
    Il libro che hai citato,forse è uno dei libri più intensi che io abbia letto...un saluto

    RispondiElimina
  2. Alcuni anni fa feci un sogno, con un immagine simile nel post, ...di un catsello su un monte e sotto e intorno il vuoto, il castello era abitato da un popolo celtico antichissimo che appariva ogni 100 anni, io che lo visitai con altre persone, c'era un uomo di questo popolo che mi regalà una penna e mi aveva scelto per rimanere nel castello per sempre.

    RispondiElimina
  3. e va bene ,coincidenze,sogni ed emozionile dobbiamo sempre ricorrerle per poter far risplendere una luce che ognuno di noi porta dentro ...che si chiama...AMORE....che
    ...fantasica storia è la vita
    ...sarò sempre più tenace , de coccio, perchè l'amore travolge tutti gli esseri umani..
    marina son ancora triste
    rosario naddeo

    RispondiElimina
  4. Ciao Upupua, sono contenta che tu abbia letto quel libro...mette tanta speranza, che si voglia credere o no a certe cose.
    Marina

    RispondiElimina
  5. Mary, ma che bel sogno pieno di simboli! Il Castello, il monte, il vuoto, il popolo antico, l'uomo, LA PENNA!!!: bisognrebbe analizzare i simbolismi che essendo contenuti nell'inconscio hanno una valenza archetipica.
    Baci

    RispondiElimina
  6. Dai Rosario, forza, che poi , quando mi sentirò pronta ti manderò la mia storia/sogno/desiderio via e mail. Adesso, per il momento ti cito il Taoismo che ci ricorda:
    Non temere, il cavallo che ti appartiene, anche se scappa, ritornerà da te.
    Baci.
    Marina

    RispondiElimina
  7. Avevo analizzato il sogno, infatti era pieno di simboli arcaici, inizialmente il monte e il castello era di S.Michele Arcangelo, che scalai con altre persone, poi invece era un castello medioevale, tutto intorno c'era il vuoto e al centro del castello c'era un buco vuoto con il cancello dove sdrotolai un gomitolo di lana con un peso di piombo per vedere dove arrivava. Nel vuoto c'era la forza di gravità. Questo popolo antico faceva andare i visitatori per poi senza far sapere niente dovevano scegliere qualche donna che però dovevavo essere trattate come delle principesse, perché il popolo si stava estinguendo perché non nascevano più donne, poiché vivevano in un altro tempo e dimensione. E in quelle persone c'era tristezza. C'era un giovane che mi regalò una penna.


    Per me era strano che facessi quel sogno, anche se conoscevo il suo significato.

    RispondiElimina
  8. Senti Mary, se non vuoi pubblicare questo sogno sul tuo blog dobbiamo proprio pubblicarlo qyui: è troppo carico di simboli.
    Dai, ti prego, butta giù la tua narrazione e dopo fammi sapere cosa vuoi fare. Sono entusiasta!
    Leggiti il mio post IL FILO D'ARGENTO.
    Buona giornata Marina. Sole su Roma

    RispondiElimina
  9. Il sogno non l'ho mai pubblicato da nessuna parte, perché anche solo nel raccontare questi tipi di sogni,per chi non conosce il simbolismo,non lo capiscono. Nell'indicazione del sogno avevo tralasciato il fatto che il popolo cercava l'amore eterno, in cui le donne avevano un importanza importantissima. Poiché il sogno era lungo nelle descrizioni ho tralasciato moltissime cose.

    Questo è uno di quei rari sogni arcaici che facevo, e indicai a La Porta, del perché facevo sogni di culure e simbolismi arcaici che io non conoscevo.

    dopo di questi sogni mi comprai un bel libro con tutte le definizioni dei simboli.

    RispondiElimina
  10. Allora non vuoi pubblicarlo, comunque ricorda che non devi sottovalutare i lettori.
    Baci Marina

    RispondiElimina
  11. marina
    possiamo definire che l'amore è anche .......................un miracolo...e quando amiamo o soffriamo per amore siamo eletti nel regno dell'amore
    uno de' coccipo d'amore
    rosario naddeo

    RispondiElimina
  12. devo prima scriverlo a parte e lo pubblicherò sul blog.

    Nel precedente messaggio non volevo indicare che i lettori non capiscono il simbolismo, ma mi riferivo alle persone della mia vita quotidiana in passato cui raccontavo i sogni,(di cui però non raccontavo sogni del genere) o chi non conosce i simboli e l'interpretazione dei sogni.

    RispondiElimina
  13. Le persone nei sogni sono tanto interessanti, Mary.
    Baci Marina

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.