lunedì 14 novembre 2011

Poemi Vedici: sull'immortalità dell'anima e della sua origine.



"C'è una parte immortale dell'uomo, e quella, o Agni*, occorre riscaldar coi tuoi raggi, infiammar col tuo fuoco. O Istavedas, trasportala nel mondo dei più entro il corpo glorioso che tu formasti."

"Donde è nata l'anima? Ve n'ha di quelle che vengono verso di noi e ne vanno via, di quelle che vanno via e ritornano."



*"Il fuoco terrestre del raggio del sole." Agni è agente cosmico per eccellenza, signore e generatore del sacrifizio, apportatore di tutte le speculazioni mistiche aventi per oggetto il sacrifizio stesso, genera gli dèi, organizza il mondo, produce e conserva la vita universale: in una sola parola è una potenza cosmonogica.  

6 commenti:

  1. Ma se Agni è tutto questo fino ad oggi in quale triste dimensione ha vissuto colui che ignorava tuttociò.Lando51

    RispondiElimina
  2. Ciao Lando, conosco poco i Veda ma mi pare che le parole di questi scritti siano immensamente ispirate. Un bacio caro e grazie per essere passato e avere lasciato un contributo. :-)

    RispondiElimina
  3. Ciao Carissima Marina,

    la vera saggezza antica ci viene tramandata (senza le tantissime alterazioni presenti nei nostri testi sacri) nel Veda, nei Purana, così come nei Brāhmana, commentari alle quattro samithā composti tra il 1100 a.C. e l’800 a.C. Āraṇyaka, testi esoterici riservati agli eremiti delle foreste o comunque recitati al di fuori del contesto dei villaggi, composte tra il 1100 e l’800 a.C. Upanisad, opere di ulteriore approfondimento composte tra l’800 e il 500 a.C.; Sūtra e nei Vedānga,opere di codificazione dei riti, composti dal 500 a.C. in poi. Mahābhārata e la Bhagavad Gita (lett. Canto del Divino). le Upaniṣad (le più note, ampie e antiche delle quali sono la Brhadaranyaka, la Chandogya, la Taittiriya e la Katha) il Vedānta Sutra (anche denominato Brahma Sutra), che sono anche delle brevi, persino singole interpretazioni di una sola parola della dottrina del Upanisad, il Rāmāyaṇa (lett. il viaggio – ayana- di Rama), insieme al Mahābhārata è uno dei più grandi poemi epici della mitologia induista, oltre ad uno dei testi sacri più importanti di questa tradizione religiosa e filosofica. La redazione definitiva ‎del poema si fa risalire al I-II secolo d.C.

    Molti occidentali che si sono avvicinati al pensiero Vedico Induista hanno capito la vera trascendenza rispetto al riduttivo pensiero logico speculativo e assai materialistico occidentale....

    Se anche tu ti avvicinerai ai vecchi antichi testi, scoprirai le vere origini di questa nostra martoriata umanità, che prima su Lemuria e dopo su Atlantide ebbe il suo splendore nell'età d'oro

    I cicli evolutivi sono divisi ciascuno in quattro periodi chiamati yuga.
    • Il primo periodo è chiamato Età dell’Oro o della Verità (Satya Yuga), nel quale l’umanità ha una spontanea saggezza grazie ad una stretta unione con il divino; Il secondo è chiamato Età dell’Argento, (Treta Yuga) Il terzo è chiamato Età del Bronzo, (Dvapara Yuga) l’ultimo è chiamato Età del Ferro, (Kali Yuga). Che dopo la morte di Krishna, dovrebbe finire nell'attuale nostro tempo. Ecco Spiegati i grandi cambiamenti, soprattutto a livello di consapevolezza, Ecco spiegati le grandi risoluzioni karmiche, ecco spiegate le grandi verità che si mostrano alla contemplazione di tanti.... Ecco spiegato perché spesso è necessario abbandonare la mente egoica (Arimanica) per entrare nella voce del silenzio interiore...... Ecco perché apprezzo molto, ma molto di più la via pratica sul campo Steiner o di Castaneda rispetto al pensiero logico speculativo di Jung.... C'è un abisso ciò che separa i mondi dell'anima rispetto alla macchina biologica umana...

    Se solo si capisse che ci sono esseri così superiori che li abbiamo chiamati Dio in ogni tempo...
    Se solo si capisse che siamo stati anche noi artefici e co-creatori di questo universo
    Se solo si capisse che l'essere più evoluto spesso si frammenta in infinite personalità
    Se solo si capisse la propria immortalità...........
    Se solo si capisse che siamo stati resi schiavi da esseri privi di un vero cuore, che ci hanno abbidonato con tantissime bellissime modificate parole.....
    Se solo risvegliassimo la nostra divina coscienza cosmica, potremmo veramente spostare le montagne e cambiare questo mondo....

    RispondiElimina
  4. Ma che meraviglia il tuo commento Raf! Grazie.

    RispondiElimina
  5. Semper SOL INVICTUS...
    mia cara che bello sentire il tuo profumo...tipo profumo di casa.
    baci
    gea

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.