giovedì 6 ottobre 2011

Preveggenza cognitiva... seconda vista.



[...] Gli uomini di quella seconda vista non rivelano cose straordinarie ogni volta che sono interrogati, ma in accessi e rapimenti come se in quel momento venissero ispirati da qualche genio che prima stava in agguato a loro o vicino a loro. [...] Un uomo dotato di seconda vista vide un uomo che stava presso di lui e agli occhi degli altri appariva sano, completamente coperto di sangue, ed egli, tutto stupefatto, lo sollecitò a fuggire immediatamente. L'uomo che era sano rise di questo agire e di questo avviso poiché non vi era apparenza di pericolo. Ma aveva appena raddrizzate le labbra dopo aver riso, quando inaspettatamente un suo nemico balzò al suo fianco e lo pugnalò. [...] Come gli uccelli e le bestie [...] presagiscono le tempeste [...] un cerco annusa un uomo e la polvere da sparo benché sia una invenzione recente (il testo è del 1692) a grande distanza; un cacciatore affamato sente l'odore del pane ed il corvo quello di una carogna. [...] Così un uomo dotato della seconda vista che era in grado di percepire gli atti di quel popolo a noi invisibile che predice il futuro, (atti) permessi da una straordinaria provvidenza per dare avviso di qualche avvenimento notevole nell'aria o sulla terra o nelle acque, raccontò di avere visto un sudario che saliva su per le gambe di una persona sana mentre camminava finché gli arrivò alle ginocchia, e poi arrivò su fino alla vita, e infine sopra la testa, (tutto) questo non era visibile per nessun altro. E osservando l'intervallo di tempo fra i diversi stadi, egli facilmente indovinò quanto avrebbe vissuto ancora quell'uomo che veniva coperto dal sudario, perché quando questo si avvicinava alla testa, egli disse che quella persona era matura per la tomba. [...]
(Il Regno Segreto, Robert Kirk)

Nessun commento:

Posta un commento

Sii educato,grazie e benvenuto.