venerdì 24 settembre 2010

L'Incanto del Diletto Perduto...

Cantico dei Cantici di Marc Chagall


Il mio Diletto è bianco e rosso,
si riconosce fra diecimila!
Il suo capo è oro, oro puro,
i suoi ricci sono palme,
neri come il corvo.
I suoi occhi sono come colombe
su rivoli d'acque;
i suoi denti lavati nel latte
si posano in una perfetta incastonatura.
Le sue guance sono come aiuole di balsamo,
scrigni di erbe aromatiche;
le sue labbra sono gigli,
stillano mirra liquida.
Le sue mani sono cilindri d'oro,
tempestate di gemme di Tarsis;
il suo ventre un blocco d'avorio
incrostato di zaffiri.
Le sue gambe sono colonne d'alabastro
che poggiano su basi d'oro puro;
il suo aspetto è come il Libano,
maestoso come i cedri.
Il suo palato è la stessa dolcezza
ed egli è tutto una delizia.
Questo è il mio Diletto
e questo è il mio amico,
o figlie di Gerusalemme!

Nessun commento:

Posta un commento

Sii educato,grazie e benvenuto.