giovedì 3 settembre 2009

Fogli profumati per l'Amore...


"Non so cosa sia questo tuo...papiro" rispose Dan Qing. "Questa è carta."
"Carta?" Chiese ammirato Metello.
"Carta." Ripeté il principe. "La facciamo con gli stracci macerati. Li sbianchiamo con la liscivia e a volte li profumiamo con il gelsomino o con la rosa o con la viola." Tirò fuori un foglio da un cassetto e glielo avvicinò al naso.
Metello ne aspirò il delicato profumo, poi lo prese in mano e lo volse contro il sole e ne ammirò la meravigliosa trasparenza e la omogenea consistenza. "Fogli profumati." disse, "Perché?"
"Per le lettere d'amore. L'amata riconosce la tua missiva dalla fragranza che emana prima di leggerla. Non è forse bello?"
Metello accennò di sì con il capo. Gli occhi gli si velarono di commozione...
(L'IMPERO DEI DRAGHI, Massimo Valerio Manfredi)




23 commenti:

  1. Cara Marina...
    questo post mi riempie di profumo.
    Riconosco in te la mia amata amica, anche se lontane.
    Tu profumi ^_^

    Che fanno le donne di casa??

    Vado in cucina a preparare per stasera...e poi ti chiamo ^_^

    o forse è presto..
    mi sa che ti chiamo ora ^_^

    ciao gioia...tra ispirazione e profumi..
    giochiamo degli assist meravigliosi ahahaha.

    RispondiElimina
  2. Solo un saluto Marina,
    un abbraccio
    Ornella

    RispondiElimina
  3. Tesorì..
    "svelato" l'arcano del profumo ^_^
    (naturalmente secondo una mia teoria del tutto personale, metaforica ed ermetica)
    Poi ci sentiamo e ti spiego.
    Ciao gioiella, bacioni.

    RispondiElimina
  4. Ciao Ornella,
    grazie d'essere passata, ti porto sempre nel mio cuore.

    RispondiElimina
  5. Marina...ma dalla prima parola ho riconosciuto la familiarità dello scritto!
    Io adoro Manfredi, anzi per dire meglio, ne ho il culto.
    Sogno di conoscerlo.Giravo le librerie di Bologna alla ricerca di una sua presentazione.Seguo l'università di Milano attendendo conferenze...Camminavo a Modena aspettando di vederlo sbucare..
    Che uomo!Io ammiro la sua cultura e la sua sensibilità storica.
    Non ti dico quanti pianti mi sono fatta leggendo Alexandros :D

    RispondiElimina
  6. Guernica,
    a proposito di libri su Alessandro Magno, ti consiglio "Il ragazzo persiano" di Mary Renault...quando lo avrai letto se vorrai mi dirai...

    RispondiElimina
  7. E' incredibile come certe fragranze riportino alla mente sensazioni ed emozioni..a volte capita di rivivere pienamente momenti del passato ricordando i profumi ad essi collegati.
    Ciao e bentornata.

    RispondiElimina
  8. Necessarie Ataviche/Giovani Emozioni conservate nel cuore, mature meditate contemplazioni da riesumare dal cuore.

    RispondiElimina
  9. Ceraselladolce,
    è assolutamente vero quanto dici. Ciao bella...e buona...

    RispondiElimina
  10. Si, Carissima Marina,
    quell'antica arte ATLANTITEA della mnemonica che citava ….. NOLANO cuore. Quella memoria da riattivare con particolari tecniche induttive. quella memoria che si basa su infinite esperienze acquisite dall'ESSERE IMMORTALE in tanti universi, in tantissime esistenti.

    Senza essere compreso,per una mia manchevole giusta esposizione pian piano ti riporto quello che ho detto tante volte.

    C'è tanto da imparare, dai grandiosi e saggi maestri apparsi in ogni tempo. C’è tanto da imparare anche dai nostri e dagli errori altrui, basta porseli nella propria coscienza per scoprire che anche noi siamo stati e siamo attori di tante assurde parti che corrispondono a dimensioni che l’essere porta dentro di sé dalle proprie esperienze, dalle proprie memorie passate. Questo c’induce a comprendere e a capire la legge evolutiva anche attraverso l’oscuramento dell’anima che per un principio ascensionale ed evolutivo passa alla luce, alle verità e alla libertà dell’essere e si comprende che anche noi siamo passati, abbiamo vissuto quella assurda esperienza. In questa visione non si prova più riluttanza, negazione o rifiuto,ma tanta COMPASSIONE per una crescita interiore che ancora è in cammino in quell’ormai vissuto lontano sentiero che altri fratelli rimasti indietro stanno percorrendo.


    Se solo capissimo che LA STORIA SIAMO NOI. Se solo capissimo che siamo stati noi stessi a scrivere tante pagine di storia attraverso tantissimi personaggi, tantissimi attori che in tantissimi film hanno interpretato delle parti, dei dimenticati ruoli anche dispiacevoli? Credetemi è anche possibile ricordare, basta sedersi su una sedia, lasciarsi abbandonare a quel silenzio interiore, ad intercalarsi nel ruolo di quell’impersonale consapevole spettatore che è dentro di noi. E vedrete che con molta spontanea critica visione si vedrà, si udirà, si sentirà e si capirà l’agire, il dire e il fare nel nostro stesso atto o dramma in quel particolare ruolo nei panni di quell’attore che stiamo personificando. Tutto questo per innalzare quella visione, quella consapevolezza al quel vero regista che è dentro di noi, nel nostro essere, nel nostro cuore, nella nostra anima, nel nostro spirito immortale. Il vero autore e conduttore di tutti quei film che ci parlano d’Infinita Vissuta Vita.

    RispondiElimina
  11. Come nel pensare / ragionare / riflettere / meditare / contemplare a volte si è nelle condizione di coerenza neurofisiologica di sincronismo tra i due emisferi che portano a momenti d’ipercoscienza, cioè di scoperta di nuove idee creative, di INSIGHT che a volte ci permette anche partendo dalla tridimensionalità di percepire le realtà trascendentali, di attingere e di leggere nel mondo delle IDEE. Così Nel Sentire è Celato il Grande Mistero.

    L’energia del pensiero nell’essenza è EMOZIONE è VIBRAZIONE. Come in ogni cosa del creato universo c’è vibrazione. Come ad un livello più sottile ogni vibrazione è collegata alle altre, al tutto. Ogni forma, ogni canto, ogni grido, ogni colore, ogni sfumatura è una nota armonica che all’unisono vibra di quel divino immenso infinito pensiero che lo ha generato.

    Come disse Aristotele “nulla è nell’intelletto che non sia prima nei sensi”. Se solo si capisse che spesso è necessario rapportarci con la natura, di cui ne siamo integralmente parte, se solo a volte riuscissimo anche per un solo momento ad abbandonare la parte del raziocinio intellettivo, la parte logica, la parte maschile, la parte pensante, per farsi trascinare e fluttuare come una goccia d’acqua, in un fiume fatto di soli semplici sentimenti, di semplici percezioni sensoriali, affinché attraverso quella bella visione esteriore che la natura ci mostra, attraverso quel sentiero, questa strada, questa via, in quel SILENZIO INTERIORE si possa percepire e contemplare se stessi e la vera realtà unitaria.

    Una spiegazione esiste, anche se è inaccettabile, impensabile, inconcepibile, non ordinaria, irreale, non capita. Si chiama MEMORIA. Semplice e pura Atavica Memoria Storica acquisita in tantissimi sentieri di vita in questo nostro universo, in questo nostro mondo ed in tanti infiniti mondi del creato.

    Perché non si vuole accettare e credere nell’idea di una Conoscenza Integrale già Preesistente, celata nell’intimo profondo del cuore quale fulcro dell’integrità spirituale d’ogni essere, sede di tutti gli atti conoscitivi dell’anima? Conoscenza che in certi particolare condizioni dell’essere riaffiora alla mente? perchè? perchè si vuole rimanere dietro i condizionamenti indotti?.

    Perché non si vuole capire il senso profondo, il celato significato nel dire del grandioso maestro Gesù, quando diceva che bisognava diventare come bambini per entrare nel regno del Padre Celeste o quando ammoniva i suoi discepoli affinché non vietassero che i bimbi venissero a lui e parlando e spiegando a tanti del perché Un vecchio saggio non esiterà a consultare ad ascoltare la saggezza trasmessa da mondi soprasensibili attraverso un bimbo di pochi mesi.

    Come può una persona adulta ri-diventare un inconsapevole innocente bimbo se non attraverso quell’assai antica (Atlantidea) arte delle MNEMONICA che richiama attraverso l’Evocazione i Ricordi del Passato e quindi i celati Sentimenti che si manifestano attraverso la memoria?


    Carissima Marina, ti prego solo di frenare il mio dire se non è in sintonia con il tuo cuore.

    RispondiElimina
  12. Raffaele, insight è il mio motto.

    RispondiElimina
  13. ecco in quale dei tuoi spazi virtuali sei tornata ...

    ^______________^

    RispondiElimina
  14. sì, i bambini nei film sono gli attori più bravi poiché un loro sguardo comunica molto ... sembrano capire le cose con più semplicità
    ;-)
    buon fine weekend

    RispondiElimina
  15. Lo sai che al sol tocco, mentre scriviamo, la carta s’impregna di noi? È il più meraviglioso profumo esistente.

    RispondiElimina
  16. Pupottina,
    i bambini hanno un non so che di ancestrale....

    RispondiElimina
  17. Vitaedamore,
    una meraviglia per i nostri recettori.

    RispondiElimina
  18. CALLIOPE,
    STAMATTINA TI HO IMMAGINATA ANDARE AL LAVORO E MI SONO DETTA: CI SENTIAMO OGGI NEL PRIMO POMERIGGIO...PERCHE' DOPO SCRIVO.

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.