sabato 31 gennaio 2009

Dell'ispirazione...

Quando la LUCE diventa EMOZIONE

6 commenti:

  1. Quando la LUCE diventa Emozione..per me significa che siam stati illuminati...ed è cosa Grande.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  2. L'ispirazione che è "Divina Follia"!
    "I beni più grandi ci vengono dalla follia, naturalmente data per dono divino".

    "La follia dal Dio proveniente è assai più bella della saggezza d'origine umana".

    "Ma che cos'è la follia se non una figura di quella vita straniera che è una delle parole simbolo più espressive nella storia della vicenda umana per indicare chi proviene da altro luogo, e a quelli del luogo appare strano, non familiare, incomprensibile. Allo stesso modo il luogo che lo straniero si trova ad abitare è per lui estraneo e perciò carico di solitudine. Angoscia e nostalgia sono parte del destino dello straniero che, non conoscendo le strade del paese estraneo, girovaga sperduto. Se poi impara a conoscerle troppo bene, allora dimentica di essere straniero e si perde in un senso pù radicale perchè, soccombendo alla familiarità di quel mondo non suo, diventa estraneo alla propria origine. Nell'alienazione da sè l'angoscia sparisce, ma incomincia la tragedia dello straniero che, dimenticando la sua estraneità, dimentica anche la sua identità recuperabile solo col riconoscimento dell'estraneità della dimora che abita e con la ripresa della nostalgia d'origine....
    Entrambi gli aspetti dello straniero: l'estraneità e la superiorità, la sofferenza e la differenza fanno di lui un essere che abita il mondo senza esserne coinvolto, richiamato da un'aldilà che disabita."
    "...La fuga in uno spazio atemporale è una difesa contro l'assedio delle cose e delle persone divenute,tutte, indifferentemente, portatrici della minaccia dell'Inquietante. L'Inquietante è tutto ciò che non è condivisibile, dove la misura del rapporto dialogico è la dis-misura, dove non ci si sente nè vicini nè lontani, ma semplicemente altri."

    Quante volte ci si è sentiti alienati, come in terra straniera, in questa dimensione umana?
    Poi la razionalità di riconduce alla logica decodifica del mondo circostante, per riconoscerci quali estensioni divine di un UNO.
    I brani che ho citato vengono da un libro che mi fù regalato per i miei 18 anni, e che avevo letto con tale interesse, che oggi ritrovo con tutte le sottolineature fatte da me nei punti che mi avevano colpito.
    Abbracci.

    RispondiElimina
  3. Errata corrige: Scusami, mi è scappato un accento in più su "fu"!

    RispondiElimina
  4. Cara Calliope,
    e speriamo di reggerla questa grande emozione...
    Ti adoro per la tua grande generosità. A proprosito, ma che fai non scrivi più sul blog?
    Ciao

    RispondiElimina
  5. Cara Elisa,
    lo sai che questo fatto delle sottolineature ci accomuna?
    Che belle le sottolineature, sono le parti nelle quali il libro è stato per noi un messaggero misterioso. Credo che potresti leggere il primissimo post di questo blo che parla proprio di come tutto questo sia cominciato per per, prima come lettrice e poi come "scrittrice".
    baci
    Marina

    RispondiElimina
  6. Eccomi Elisa, Il post di cui ti parlavo si chiama ISPIRAZIONI ed è di novembre 2008
    Buonanotte.

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.