giovedì 23 marzo 2017

Sole Notturno


Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Il sole della mia infinita notte
Splende alto dentro di me
Sulla mia Città Eterna.
Il suo calore è tiepido e
La sua luce algida,
E la vita fuori, 
Accecante e rumorosa,
È meno buia
Mentre la mente spazia in un cosmo, e
Nuovi mondi mi scorrono davanti,
Come fotogrammi di vite parallele,
E il cuore si strugge
Nell'intensità del reale, ed, ecco,
Ancora una volta tu m'appari
Come parte di me,
Del mio essere tempo
 E spazio e sogno,
Nelle mie riflessioni
Come riflesso di altro,
Che poi sono sempre io.

Marina Morelli 
Roma, 23/3/2017

mercoledì 22 marzo 2017

Lontani ma vicinissimi

Risultati immagini per sorriso



Gran parte della vita così:
lontani ma vicinissimi,
vicini ma inavvicinabili.
Il mondo ci divide ma l'universo ci unisce,
nel profondo.
E tu mi sostieni oggi
con un tuo sorriso
nel momento più difficile e inaccettabile,
e affianco a una nonnina
mi guardi dritto negli occhi.
Da lontano ma come fossi dentro
tu mi dici di sì,
che questa mia scelta dolorosa quanto insopportabile
non sarà bella ma neanche brutta,
se poi è quella giusta.

Marina 22/03/21017

giovedì 9 marzo 2017

Presagi

Sfidiamo i presagi. Anche nella caduta di un passero c’è una speciale Provvidenza.

William Shakespeare 

mercoledì 8 marzo 2017

Erano connessi ... Erano Uno.

Risultati immagini per simpatia rerum

[…] Erano connessi. Erano pensierosi. Erano spensierati. Erano vivi. Erano desiderosi. Erano inquieti. Erano febbrili. Erano confusi. Erano disturbati. Erano nostalgici. Erano mancanti. Erano distratti. Erano attenti. Erano lucidi. Erano sognanti. Erano perplessi. Erano stupiti. Erano assorti. Erano uniti. Erano distanti. Erano comunicanti. Erano Uno [...]
Marina Morelli
Ma l’unità è connessione o è causa di connessione.
Alcune cose si dicono connesse perché sono unite insieme.
Nicola Cusano, La dotta ignoranza.