venerdì 8 giugno 2012

Intervista a Pierluigi Ighina scopritore dell'atomo magnetico. La sua visione circa il senso della vita.





“L’uomo non conosce se stesso, non sa chi è veramente perché vive fuori di sé.
Il suo Io si identifica in modo del tutto provvisorio con i pensieri, gli istinti e i sentimenti che prevalgono maggiormente in lui nei vari momenti della sua vita che sono biologicamente scanditi dai battiti del suo cuore.
Se l’Io dell’uomo risiedesse in maniera permanente nella casa in cui è nato e cioè il suo Cuore, il Centro del suo essere, vivrebbe nella Luce dell’Amore che il suo Cuore emana di continuo come un piccolo Sole, e sperimenterebbe la sua sostanziale identità non solo con tutte le creature viventi nella natura, ma anche con Dio che di tutto l’Universo è il Creatore.
Tutto ciò che riconduce l’uomo a riconoscersi e a fondersi nel Crogiolo di un’Unica Energia Primordiale che ha creato tutte le forme esistenti scindendosi e riflettendosi in Sé stessa, è la Verità.
Al contrario tutto ciò che si oppone a questa Visione unitaria e mantiene le singole espressioni della Vita Universale in uno stato di separazione e quindi di individualità, è solo apparenza e illusione." (Pierluigi Ighina) 

2 commenti:

  1. Ciao Carissima Marina
    questo si che è un parlare saggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, raf, questo brano è bellissimo e saggio.

      Elimina

Sii educato,grazie e benvenuto.