venerdì 11 maggio 2012

Il "cuore" è la metafora dei movimenti più interiori: coscienza e carattere.

Gli occhi vedono, le orecchie odono, il naso respira e tutto trasmettono al cuore da cui emana ogni decisione, e la lingua pronuncia quanto il cuore ha pensato.
(Elémire  Zolla)

2 commenti:

  1. Ciao Carissima Preziosa Marina...
    non sono proprio d'accordo su quello che afferma “Zolla”

    In questo piano del raffronto, in questo piano altamente influenzabile, siamo sommersi in un mare e da un mare di energie altamente predatorie. É per questo che un giorno dissi/affermai che , spesso non siamo i nostri pensieri..... E' quel celato aspetto che ho già discusso, parlando delle celate induttanze dovute anche alla deframmentazione dell'essere, all'influenza delle forze arimaniche/lucifere, al suo già tracciato dinamico sentiero/destino ed al suo raggiunto grado di consapevolezza.

    Non sempre tutto è trasmettono al cuore da cui emana ogni decisione, e la lingua pronuncia quanto il cuore ha pensato. Perchè spesso ci sono anche forze aliene che unendosi all'aspetto egoico parlano attraverso la mente razionale.... Il cuore parla, ma sotto forma di VIBRAZIONI CHE SI MANIFESTANO COME SENTIMENTI che non trovano parole. Il sentire spesso viene alimentato attraverso altri celati aspetti interiori che da fuori chiamo extrasensoriali che nulla hanno a che vedere con i normali sensi biologici....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. raf, caro, che ti devo dire, io non sono molto d'accordo con quel che dci ma non posso non ascoltarti. un abbraccio.

      Elimina

Sii educato,grazie e benvenuto.