mercoledì 8 febbraio 2012

Difesa di Socrate...


"Sono le mie ricerche infruttuose per trovare degli uomini saggi fra gli ateniesi, che hanno suscitato contro di me tante inimicizie pericolose; da ciò tutte le calunnie sparse sul conto mio, perché tutti quelli che mi odono credono che io sappia tutte le cose, nelle quali io cerco di smascherare l'ignoranza degli altri ... Intriganti attivi e numerosi, parlando di me secondo un piano prestabilito e con un'eloquenza ben atta a sedurre, vi hanno da lungo tempo riempito le orecchie di rumori più striduli e continuano senza posa il loro sistema di calunnia. Ed oggi mi alienano Meleto, Anito e Licone: Meleto rappresenta i poeti; Anito i politici e gli artisti; Licone gli oratori ... Io credo negli dèi più di alcuno dei miei accusatori; è tempo che ci lasciamo, io per morire e voi per vivere. Chi di noi ha la sorte migliore? Nessuno lo sa eccetto Dio."
Apologia di Socrate, Platone

Nessun commento:

Posta un commento

Sii educato,grazie e benvenuto.