venerdì 21 ottobre 2011

Precetto del "Porgi l'Altra Guancia" nell'attuazione pratica...

Ti bruciano la macchina durante una manifestazione?

E tu non reagire! tirando l'estintore, che ti serve per spegnere il fuoco, alla persona che te l'ha incendiata; né devi bestemmiare il Divino, dicendo a parole quello quello che fa nei fatti colui che spacca una statua della Madonna. Prega, piuttosto e, se puoi, correggi il tuo fratello e non denunciare.

E' dura, lo so ... ma, se leggi il Vangelo, funziona così secondo i nostri precetti cattolici.


Ma come si fa a subire in prima persona, sulla propria pelle, nelle proprie tasche, l'affronto e il danno di un degrado sociale del genere? Sono molto solidale con le persone che hanno subito violenza. 


7 commenti:

  1. Ciao Carissima Marina,....

    sai qualcosa sui loschi giochi di potere? Quale forma migliore per suscitare (celatamente e programmaticamente) l'indignazione della gente per promuovere nuove leggi sulla sicurezza, sapendo in partenza che, domani ci sarà una massa critica (rivoltosa disperata esasperata popolazione) che cercherà di opporsi alla evidente tirannia di un evidente reale dittatoriale potere?

    Certo ogni violenza è da ripudiare, ma all'insaputa di tanti esiste un celato controllo anche sulla mente di certi individui.... Lascia perdere il vangelo, non sanerà nessun vera fame come nessun vero male.... le prove? 2000 anni e passa di vissuta imposta canonizzante storia che non ha rimesso nessun peccato, anzi spesso è stato richiesto l'intervento di esseri superiori per frenare il male che celatamente si nasconde dietro belle parole.....

    Sai qualcosa di chi era effettivamente uno dei TRE GESU' che voleva liberare il suo popolo dalla tirannia e dalla corruzione della sua stessa dominante classe dirigente?

    Pensi proprio che i vangeli sono VERITA' ASSOLUTA?

    NON PENSI CHE CON TUTTA QUESTA ADORAZIONE PER STATUE DI SANTI/MADONNE ECC. SIAMO PIU' POLITEISTI DEI NOSTRI STESSI ANTENATI?


    SCUSAMI PER QUESTE PAROLE, MA DICO SINCERAMENTE QUELLO CHE SO E CHE PENSO....

    RispondiElimina
  2. Scusa Raffaele, ma io in tutti questi anni non ti ho mai detto quello che devi fare... cmq, la Verità, forse qualche illuminato l'ha raggiunta ma in genere è relativa alle opinioni che sono di per sé opinabili. Dovresti fate più attenzione a quello che dici e al modo in cui lo dici, perché io potrei risponderti che "io so" e dico quel che so... ma non mi permetto.
    Cmq, ti mando un saluto affettuoso.

    RispondiElimina
  3. Ciao Carissima Marina,

    apprezzo la tua sincerità e la tua benevolenza nei mie confronti.... ma come potrai costatare , non ho peli nella lingua e dico quello che penso che ho sublimato con il mio sanguinante cuore e con al mia mente irrazionale che va oltre l'innato aspetto egoico, scudo necessario fino ad un certo grado per tutti gli a spetti comparativi e del raffronto che ci vengono incontro in questo PURGATORIO che AMIAMO e chiamiamo MONDO...... Se parlo in questo modo c'è un motivo che trascende ogni personale aspetto egoico, è qualcosa che mi spinge a parlare di quella vera libertà dell'essere che spesso si fa strascinare/abbbbbbbidonare e soprattutto ADDORMENTARE dalle belle sante parole, che ci inducono a rifiutare qualsiasi verità che sia in contrasto con questo falso credo per tutto quel lavaggio del cervello, che agendo nell'inconscio collettivo ordinario ci hanno fatto già fin da piccoli.....

    ho sempre sostenuto che la vera via conoscitiva è la VIA PRATICA e nessun'altra... ed io ti ho sempre parlato per le mie PERSONALI ESPERIENZE e per tutto che mi è successo fin dalla mia infanzia., Infanzia che mi parlava del mio passato come mi ha anche prospettato il mio futuro....

    Ma penso sinceramente che tu non credi a queste cose, non credi all'immortalità dell'essere e tanto meno che in qualche modo (anche se non è per tutti) si possa anche ricordare il proprio lasciato precedente cammino..... Chi conosce il proprio passato capisce il suo destino, il suo presente così come percepisce il suo futuro.... Ma in questo futuro che in qualche modo mi farà partecipe consapevolmente NON SONO IO SOLO, MA SIAMO IN TANTI... A che servirebbero i libri se non a ricordare o a lasciare una traccia per tanti cari fratelli su qualcosa che tu stesso o tu stessa avevi impresso nella memoria del tempo.... ? Certo che ti è impensabile che io suggerisca di prendere l'ombrello perché so che domani pioverà, perché spesso non mettiamo la GIUSTA ATTENZIONE SULLE COSE O SULLE SINCRONICITA' CHE si mostrano come un libro aperto alla nostra poca attenta attenzione..... Tutto questo perché ci hanno insegnato a DORMIRE anche di giorno....e se ci siamo innalzati di qualche grado, spesso ci fermiamo per non superare le porte del dogma e conformante uniformante linearizzante coercitiva realtà.

    RispondiElimina
  4. Raf, mi hai aiutato tante volte e questa volta ti proteggo da te stesso pubblicando quello che è buono e giusto mettere per iscritto... il resto lo tengo per me... ok? Stai tranquillo amico mio, che se ti dovessi dire quello che vedo io... ma non si può fare così come fai tu tesoro caro. Te lo dico mentre dal mio cuore sgorgano lacrime di sangue. Ti saluto Raf.

    RispondiElimina
  5. Cari amici miei che tanto mi avete dato in questi anni,cara Marina e caro Raf che bella l'immagine della madre che protegge per non parlare di quella del cuore che sanguina...
    Marina,sei stata così diretta che mi sei tuonata dentro.
    penso spesso in questi ultimi mesi al valore della preghiera,veramente tanto.
    ciao belli belli
    gea

    RispondiElimina
  6. Ciao Gea,
    come vanno le cose? Domani porto le ragazze a Siena dal Professore. Bacio.

    RispondiElimina
  7. Procedo direzione Destino,spero,qualche fermatina ogni tanto,a volte accellerate improvvise...che bello saperti in viaggio sull'autostrada del Sole...
    gea

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.