mercoledì 19 gennaio 2011

Il Grande Teatro della Memoria...


"Vi sono troppe cose nella mente umana che si trovano al di là della nostra comprensione. Forse sotto ipnosi lei riusciva a mettere a fuoco la parte della sua mente in cui conservava tutti i ricordi di vite passate, o forse aveva incontrato ciò che lo psicanalista Carl Gustav Jung definiva inconscio collettivo, la fonte di energia che ci circonda e contiene i ricordi dell'intera razza umana."
Brian Weiss, MOLTE VITE E MOLTI MAESTRI

11 commenti:

  1. ...ed ecco perche' ho letto che mnemosine e' sempre presente nei momenti iniziatici...ma bisogna essere pronti per risvegliare tutto cio'mia cara,per connettersi con questa fonte di energia universale...ermeticamente chiusa...
    grazie
    gea che fa le polpette di lenticchie per cena

    RispondiElimina
  2. Eh già.. é talmente poco ciò che possiamo comprendere.. e ciò ci pone di fronte alla dimensione dell'infinito e del misterioso che circonda l'essere umano e la realtà circostante.. e senti di essere una piccola particella in un'universo sconfinato e immenso che mai potremo vedere.
    Ti abbraccio cara :)

    RispondiElimina
  3. GEA,
    buone le polpette di lenticchie: mi lasci la ricetta? Grazie! Noi riso e verza stasera.

    RispondiElimina
  4. Zoé, ciao tesoro, ma tu hai cominciato a fare un tirocinio o hai preso a lavorare nel tuo settore?

    RispondiElimina
  5. Polpette di lenticchie di gea

    Ho stufato una tazza di lenticchie rosse decorticate in un soffritto di sedano carote e cipolle poi portate a cottura con del brodo vegetale.Da fredde mischiato con un uovo,sale,pepe,prezzemolo o erba cipollina e poco parmigiano.Fatte palline,schiaccio un po’ e porto a cottura o in forno con grill acceso o in padella antiaderente con poco olio e poi le tuffo a volte in una leggera salsa di pomodoro…
    …ma la ricetta piu’ importante mia cara dovro’ ancora scriverla…

    RispondiElimina
  6. ......prima debbo scoprirne gli ingredienti...

    RispondiElimina
  7. Carissime Preziose Amiche del mio cuore.

    mentre mi diletto ad assaporare mentalmente questa vostra pietanza, mi vine da ricordare qualcosa della mia infanzia.

    Su questo tema della memoria, vorrei spendere qualche parolina, perché è assai importante capire le implicanze e le potenzialità che possono essere risvegliate.

    1- la prima condizione necessaria è capire che che non è la prima volta che ridiscendiamo in questo piano. Su questo c'è tantissima letteratura filosofica/religiosa/artistica ed anche scientifica che la comprova.

    2- per ogni finalità che ci siamo imposti di perseguire in questa vita è necessario DIMENTICARE TUTTO DELLE PROPRI ESISTENZE PASSATE. Immaginate solo quale trauma si potrebbe subire se si sapesse che l'immenso amore di questa vita in effetti in una vita passata era il nostro peggior nemico o qualcuno che ci aveva anche ammazzato o che avevamo anche ammazzato....oppure per una prova del cuore che il peggio nemico di questa vita in effetti era un grande amore di una vita passata, e tantissime altre cause/effetto o considerazioni che potete benissimo immaginare immaginare... Il vero amore si sperimenta proprio in questa santa legge che corregge e fa elevare ogni cosa, una legge che non è solo del compenso, ma soprattutto dell'elevazione dell'essere oltre i propri errori.... per non parlare di tantissimi dimentichi maestosi esseri che ridiscendono in questo piano per aiutare il prossimo a risalire quei gradini evolutivi animico/spirituale. Spesso il loro risveglio può avviene anche a tarda età, ma quando questo succede è l'immenso amore che si manifesta fuori in mille modi.

    3- visto che siamo nell'oblio della memoria è ovvio che tutto questo ci appare come assai strano ed impensabile, ma, perché c'è sempre un ma in ogni cosa se si vuole è possibile anche RICORDARE.. Bisogna solo capire che l'offuscamento o meglio la legge dell'illusione/confusione che opera solo a partire da un certo momento della vita biologica dell'anima, più o meno a partire dai 4 anni in poi.

    RispondiElimina
  8. 4- su questa considerazione si basa il detto che un vecchio non esiterà a consultare un bimbo appena nato per sapere qualcosa dei mondi trascendentali. Dunque, diciamo che un primo periodo della propria iniziale esistenza in cui ancora l'anima non si completamente radicata ed ancora ci sono tracce di memoria passata impressa nei suoi tessuti eterici/spirituali, tessuti che interagendo con i centri di forza interiori riescono a condizionare/influenzare/comunicare con gli organi di risonanza che producono sensazioni/percezioni.

    5- se un individuo adulto, attraverso la meditazione/introspettiva riesce a ritornare indietro (come per l'ipnosi regressiva o auto ipnosi) nel tempo e cerca o si sforza di richiamare particolari momenti della sua maturità/adolescenza/fanciullezza/postnatale gradatamente, diciamo partendo dagli ultimi anni fino ad arrivare a primissimi mesi di vita. Se riesce richiamando la memoria a riesumare particolari ricordi di sicuro questi si mostreranno fuori come sensazioni/visioni/odori e percezioni particolari

    6- se siamo giunti a questo stadio introspettivo allora possiamo verificare se c'è qualcosa che ci parlava in qualche modo di quello che ci sarebbe successo dopo o nel tempo, anche la cosa più banale, anche se allora eravamo inconsapevoli, ma ora la stiamo rivivendo con mente critica e oggettiva. Se entriamo in questo flusso di riscoperta è come acutizzare alcuni sensi interiori e con questi più facile ci verrà interpretare ogni coincidenza significativa che si mostra al nostro percepire consapevole o inconsapevole.

    7- se apriamo queste porte del tempo piano piano ci accorgiamo che possiamo ritornare in tempo sempre più lontano anche saltando questa vita ed oltre per sperimentare/validare con le stesse vibrazioni percepite da bambini (che ora finalmente abbiamo capito), che da qui ci parlano con un linguaggio ben specifico, in quale ruolo o parte ci siamo relazionati con gli altri e cosa abbiamo ottenuto cosa non abbiamo fatto che cosa dobbiamo fare ora, cosa dobbiamo riparare e con quanta compassione/passione/amore ci dobbiamo raffrontare ora con gli stessi con cui ci siamo raffrontati nel passato. Se c'è qualcosa del nostro passato che avremmo percepito in questa vita di sicuro si mostra in tutte le sue forme qualsiasi cosa essa sia, da qualsiasi arte o non arte è stata foggiata perché oltre per gli altri era indirizzata soprattutto al nostro cuore affinché potessimo nel tempo capire che eravamo stati noi stessi gli artefici e i costruttori.

    RispondiElimina
  9. 8- carissime forse questa congettura vi sembrerà assai semplicistica, ma credetemi la lista delle variabili per questa pietanza della memoria è infinita, ma penso che il vostro prezioso erudito cuore non avrà difficoltà a generare e a scatenare quella giusta tempesta che vi porterà a capire il vostro immenso celato divino mare interiore.

    Vi dico solo che la COSCIENZA COLLETIVA è come una grande casa in cui tutti siamo partecipi co-creatori, tutto ci rapportiamo e scriviamo a preventivo e a consuntivo le nostre esperienze di vita, in cui tutti abbiamo accesso sia alle nostre passate memorie come anche alle memorie di TUTTI.... nella fisica quantica si parla di CONNESSIONE NON LOCALE negli animali che riescono a comunicare anche a distanza di centinaio di km di ISTINTO e nell'uomo di parla di INTUITO ma c'è un filo che lega queste cose LA RETE DI INDRA....

    Per chi volesse investigare, Edgar Cayce (come tantissime scientifiche verità) è un validissimo comprovato meraviglioso esempio....

    RispondiElimina
  10. Ciao raffaele...ne sai una più del demone che t'è toccato in sorte che è l'unico che potrebbe dire qualcosa alla tua anima al riguardo, di modo che lei possa inviarti sotto forma di immagini dei messaggi.......... il demone, l'aspetto personale, interiorizzato della moira, fato.

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.