domenica 26 dicembre 2010

Il pregare ad inizio e fine d'ogni giornata è parte integrante della consapevolezza.


Bisogna pregare e offrire sacrifici al Divino e al mondo invisibile. Magari, il nostro destino fosse solo nelle nostre mani, l'esito delle nostre giornate dipendesse esclusivamente dalla nostra buona volontà... purtroppo o per fortuna, non è così.

16 commenti:

  1. Però la buona volontà non deve mancare...

    RispondiElimina
  2. volponeeeeeee
    bisogna sempre scavare dentro ,ma vedi che arrivare vicino al divino ,ci si brucia.....

    RispondiElimina
  3. Ciao Carissimi Amorevolissimi Volponi almeno due volte perché in qualsiasi armoniosa aggraziante amalgamazione, ogni danza cosmica si completa nel cerchio delle sue opposte divine essenze.

    Nella nostra mortale illusoria apparenza, nella misura in cui riusciamo a bruciare tutti i nostri tiranni aspetti egoici così risorge la fenice dalle sue ceneri. Assai stretta e tortuosa è la via, ma assi indefinibile e grandiosa è la meta.

    RispondiElimina
  4. Trovo che una buona dose di umiltà e semplicità aiuti...

    RispondiElimina
  5. Ciao Carissima Preziosa Marina,
    un piccolo particolare. Nell'immagine il piccolo elicotterino nel centro dell'arcobaleno e la tempesta scatenata da zeus sono assai in contrasto anche da un punto di vista reale e logistico e di sicuro è un montaggio. Questo per farti notare che spesso dietro certe apparenze ci sono sempre particolari che sfuggono all'attenta osservazione, la stessa attenta osservazione che spesso dovremmo rivolgere dentro il nostro umile, ma divino cuore che ci guida verso la meta che ci siamo imposti.

    RispondiElimina
  6. Caro Raffaele, io vado avanti a mani vuote e mi lascio guidare ma sono una persona con una bella ingombrante ombra.
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. L’amore conduce ad anima.
    La missione più importante che ci è affidata è cercare la persona che ci assomiglia. Non è un utopia ,l’altra metà esiste realmente in un ‘altra parte del mondo oppure vicino a noi . Sta a noi cercarla scoprila, anche perché la missione che ci tocca compiere e di dare seguito all’evoluzione della specie. Quell’altra metà esiste realmente non è un “prodotto” del nostro immaginario,l’incontro con questa persona è come incontrare l’altra meta che ci appartiene.
    L’esistenza di un energia complimentare è una realtà,l’amore, quante volte abbiamo avvertito il senso di vuoto la mancanza di qualcosa. E’ la nostra anima che ci segnala che abbiamo bisogno di unirci all’altra metà un bisogno per poter utilizzare meglio tutta la nostra forza che abbiamo avuto fin dalla nostra creazione. Ricongiungersi all’altra metà significa ricongiungersi all’uno quando un solo essere era felicità e armonia. Diviso quell’essere in due ,ognuno è costretto a corre e rincorre la metà che gli appartiene. Quindi ritrovare l’anima gemella si ricongiunge all’uno primordiale
    Il solo senso della nostra vita è amore ,quindi amore è vita e amore conduce ad anima tutto nell’uno.
    False morali ,false dottrine ,sensi di colpa e moralismo hanno sempre ostacolato la libera manifestazione dei nostri sentimenti delle nostre passioni.
    Quindi l’amore è la solo cosa certa ,misteriosa struggente delirante espressione del cuore di candide sospiri di delizia ,questo è il compito che ci è toccato in sorte la realtà è solo un illusione che ci opprime senza se e senza ma ,cancella la nostra missione.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Meraviglioso/a Anonimo,
    grazie dal profondo del cuore per avermelo rammentato...in questi giorni i messaggi e le coincidenze parlano di ciò.

    RispondiElimina
  10. volponneeee scusami non mi son firmato ero io nel post precedente ...perdonami

    RispondiElimina
  11. grazie Rosario, di ricordarmi dell'anima gemella.

    RispondiElimina
  12. anima complementare marina amorosa...piu' dell'anima gemella...ti bacio e vi bacio
    gea

    RispondiElimina
  13. anima complementare...Anima complementare!

    RispondiElimina
  14. Ciao Carissima Preziosa Marina
    anch'io seguo il riflesso della mia ombra perchè la vera consapevolezza è solo un’ombra, un pallido riflesso, un infinitesimo frammento di quella vera divina coscienza cosmica che dormiente è celata in ogni cuore.

    Questo è un senso della vita ed il suo sentiero che prima o poi conduce ogni pellegrino alla sua stessa DIVINA FIGLIOLANZA, all’IO SONO UNO CON IL PADRE CELESTE.

    Ma la strada è assai lunga e ci vogliono tantissime interminabili esistenze che esperienza dopo esperienza innalzano la coscienza attraverso la conoscenza. Spesso non si ha consapevolezza di questa raggiunta grandiosa memoria, ma attraverso la voce del silenzio si può riempire quel vaso di raggiunta coscienza, per riprendere il proprio lasciato raggiunto cammino, per andare oltre, oltre anche l’immaginario collettivo.

    E’ qui che ci si confronta con l’Ignoto, che la lotta eroica di Eracle consuma le sue fatiche; è qui che scende il mitico Ulisse sfidando gli Inferi stessi!

    Insomma, andando oltre gli strati subcoscienti contenenti gli avvenimenti più o meno fortunati di ogni individuo, con tutte le insoddisfazioni e repressioni del caso, SI RISCHIA VERAMENTE D’ INCONTRARE QUALCOS’ALTRO, QUALCOSA D’INFINITO.

    E’ siccome siamo esseri divini, nel continuo divenire, nello spazio/tempo, prima o poi ogni dubbio sarà risolto.

    Dalla CANALIZZATA voce di un Angelo

    Il cielo in penombre e in ombre ridà la coscienza di quel che è il vostro dubbio. L’esistenza esistenziale dà l’ombra data, e l’ombra data è data dal cielo di quello che l’uomo è. In genere l’ombra è la rappresentazione di un doppio e in genere il doppio è più grande dell’uomo. In qualche modo è la coscienza empirica vitale, che vi viene data, di avere un aspetto che va al di fuori di voi stessi e che è uguale a voi stessi e il cielo vi dà illuminando voi e concedendo a voi di risplendere su terra come angeli, PER VEDERE QUANTO E FINO A DOVE IL VOSTRO DUBBIO PUO’ LAVORARE, IN QUALE GRANDEZZA E QUANTA LUCE PUO’ RISCHIARARE.

    RispondiElimina
  15. Grazie Raffaele della tua generosità.

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.