lunedì 15 novembre 2010

Nietzsche e Jung: Senso e Nonsenso


Si può amare e volere il destino e insieme negare che abbia un senso, come pensa Nietzsche [...] Nietzsche destituisce la storia umana di ogni finalismo. Ma si spinge oltre e ritiene insensato vivere. L'umanità non ha mete, scrive, e nel suo cammino l'uomo non può trovarvi motivi di consolazione e di sostegno, solo di disperazione. Una finale mancanza di scopo decostruisce la sua esistenza [...] (Amor Fati, M. Veneziani) ... Ma Carl Gustav Jung ricorda che l'essere umano, per sua natura, non può vivere in assenza di significato....

12 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Carissima Preziosa Marina,
    entrambi hanno ragione, perché la vita come è vista da questa sfera deve essere vissuta per scopi, soprattutto evolutivi, di crescita spirituale (che niente ha che a vedere con la crescita del benessere o la crescita culturale fine a se stessa. Se queste cose non sono viste come vero strumento di conoscenza e di trascendenza saranno vane ed solo illusorie). Ma quando l’essere ha assimilato TUTTE LE ESPERIENZE in questa sfera, nel lungo ciclo esistenziale, è oltre ha superare la soglia del PRIMO GUARDIANO (il demone) ed anche la seconda (l’ANGELO DELLA PRESENZA) è anche vero che non ha più senso ritornare per i soli obiettivi relativi alla materialità, semmai per quella maggiore consapevole evoluzione spirituale; PER AIUTARE GLI ALTRI RIMASTI INDIETRO NEL SENTIERO EVOLUTIVO O PER VARCARE LA SOGLIA SU ALTRE SFERE ANCORA PIU’ ELEVATE. (solo allora si potrà parlare di vero libero arbitrio, nei casi opposti, il libero arbitrio seguirà sempre LE LINE GUIDA PREIMPOSTI PRIMA DI RIDISCENDERE IN QUESTO MONDO DELLE PROVE E DELLA CRESCITA.

    Ma, perché c’è sempre un ma in ogni cosa, anche in questa visione, c’è ancora distorsione relativistica perché ci sono altre sfere più evolute nella nostra stessa ottava, (le ottave superiori sono quasi infinite) in cui tutto questo è considerato ancora ai primi necessari stati evolutivi, o meglio ancora in una primitiva forma di manifestazione. PADRE MIO PERDONA LORO PERCHE’ ANCORA SONO BIMBI, MA NEL CONTINUO TEMPO CRESCERANNO.

    La vita è infinita perché infinita è la manifestazione nell’infinito universo. Come infinite sono le possibilità/probabilità di contemplare l’UNITA’ CREATRICE che apposta si è deframmentata per RICONTEMPLARE SE STESSA ED ESPANDERE SE STESSA OLTRE IL DIVINO ORDINE GIA’ CREATO.

    RispondiElimina
  3. Ciao.
    Ho letto questo post e qualche altro precedente. Li ho trovati interessanti. Credo che passerò per di qua di tanto in tanto...
    Carmine

    RispondiElimina
  4. Raffaele, grazie sempre per il tuo prezioso contributo.

    RispondiElimina
  5. Ciao carmine,
    grazie dell'apprezzamento e benvenuto!

    RispondiElimina
  6. ....amatissimo volponnneeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!
    un abbraccio sono influenzato a presto

    RispondiElimina
  7. RIIIIIGUUUUAAAARDAAAAAAAATIIIII e RIIIIIIIPOOOOOSAAAAAAATIIIII.
    Baci

    RispondiElimina
  8. Guarisci Presto Carissimo Rosariore del mio saracino cuore....

    RispondiElimina
  9. Bordone
    ay ti vedrò
    non ti vedrò
    Non c'è niente che m'importa
    più del tuo amore

    conservi la risata di allora
    e il tuo cuore di sempre?

    FEDRICO GARCIA LORCA
    amtatissimo volponee...........
    penso che il senso sia questiììo e poi tu ti fidi di chi ne abuso della sofia?

    RispondiElimina
  10. Il senso vero della vita è l'amore. Certo...ma Jung qui parla di altro, parla dell'individuo, della impossibilità all'omologazione collettiva...l'essere sui ribella perché, come tu sai, ciascuno di noi deve realizzare la propria essenza, per parafrasafare proprio Jung, altrimenti la vita è persa...e poiché gli "amatores fati" ben sanno che il destino del singolo è scritto nell'ordine di Necessità e di Giustizia, ecco, come, il destino singolo (in terra) s'incastona nel grande disegno lassù (providentia)...tuttavia, io sono parte di quella fascia di amatores fati che sente che l'amore fà la differenza, anche per la terribile Ananke. Bacio
    Bacio.

    RispondiElimina
  11. volponee amatissimo
    penso c he sia cosi ,dove tende la vita con precisione nessuno lo sà,ma che l'amore è il motore della vita il resto è da investigare con molta attenzioine

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.