venerdì 19 novembre 2010

Perché ROMA é Città Eterna...

Il primo a definire Roma Città Eterna fu l'Imperatore Adriano.


Tutta la storia di Roma è fortemente permeata e influenzata dal Diritto Romano. "...qualsiasi creazione umana che pretenda all'eternità è costretta ad adattarsi al ritmo mutevole dei grandi eventi della natura, conformarsi al mutare degli astri . La nostra Roma non è ormai più la borgata pastorale dei tempi di Evandro; culla di un avvenire che ormai è già passato [...] altre Rome verranno e io non so immaginarne il volto; ma avrò contribuito a formarlo. Quando visitavo le città antiche, città sacre, ma morte, senza alcun valore attuale per la razza umana, mi ripromettevo di evitare alla mia Roma quel destino pietrificato, d'una Tebe, d'una Babilonia, d'una Tiro. [...] Tutte le volte che, alla svolta d'una strada assolata, ho levato lo sguardo da lunge su un'acropoli greca, perfetta come un fiore, unita alla sua collina come il calice allo stelo, ho sentito che quella pianta incomparabile, trovava un limite nella sua stessa perfezione, raggiunta in un dato punto dello spazio, in una definita frazione di tempo. Come quella delle piante, l'unica sua vera possibilità di espandersi consiste nel seme: quel genere di idee che mediante la Grecia ha fecondato il mondo [...] Nei paesi ancora barbari, in riva al Reno e al Danubio, ogni villaggio difeso da una palizzata di legno mi ricordava quella capanna di canne, il mucchio di strame dove dormirono i nostri gemelli sazi del latte della lupa: quelle metropoli future riprodurranno ROMA [...] Nella più piccola città, ovunque vi siano magistrati intenti a verificare i pesi dei mercanti, a spazzare e illuminare le strade, a opporsi all'anarchia, all'incuria, alle ingiustizie, alla paura, a interpretare le leggi al lume della ragione, lì Roma vivrà. Roma non perirà che con l'ultima città degli uomini [...] Ho sentito Traiano, messo di fronte a una legge ingiusta perché troppo rigorosa, protestare che la sua applicazione non rispondeva più allo spirito dei tempi..." (Memorie di Adriano, M. Yourcenar) 

13 commenti:

  1. .... amatissimo volponee!!!!
    complimenti bel post
    spero che stai bene
    "NOI " TI SIAMO VICINI

    RispondiElimina
  2. Anche se distanti, in tanti ti siamo vicini Carissima Marina.

    RispondiElimina
  3. Ciao Ros e ciao Raf...siete cari e voglio per entrambe ogni bene!!!!

    RispondiElimina
  4. avevo dimenticato quanto sia bello e poetico il tuo blog...lieta notte

    RispondiElimina
  5. ... volponeeeeeee amatissimo !!!!!!
    colgo l'occassione di fare un saluto con tantissimo affetto a Falco ,persona di nobile cuore, che nela tua casa porta una luce in più
    siamo con te!!!!!!!
    gli altri un appia antica de.... anadata e ritorno
    in barba alla sublime cultura

    RispondiElimina
  6. Ros.....................................

    RispondiElimina
  7. Questo post mi è particolarmente caro ed è entrato nel cuore, Marina.

    RispondiElimina
  8. Grazie VITAEDAMORE...lo conoscevi questo brano di "Tellus Stabilta"? o ti piace il post in sé stesso?

    RispondiElimina
  9. Ciao "Tenente Dan"....o Falcus......

    RispondiElimina
  10. Roma vivrà. Roma non perirà che con l'ultima città degli uomini...
    cara marina sono perfettamente in sintonia ROMA E' AMOR...
    gea

    RispondiElimina
  11. Lo so Gea, che per te Roma è Amor.... ti voglio bene.

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.