sabato 26 giugno 2010

Le corde che legarono Ulisse... Siamo tutti bipolari!... Specialmente gli artisti...

Bagnarsi nel fiume che scorre (inconscio) è necessario per attivare la funzione creativa. Se si sente profondamente il richiamo del proprio demone interiore che spinge a occuparsi, ad esempio, di poesia e si compie una scelta intimamente percepita come valida, si dovranno fare i conti con la realtà esterna, che non facilita certo questi percorsi, e provvedere in qualche modo alla propria sopravvivenza. Quando Michelangelo dipingeva la Cappella Sistina non veniva distratto da niente, neanche dai bisogni più elementari, perché era completamente alimentato dalla forza interna con cui era entrato in contatto. Le persone forti, significative, che sono in grado di trasformare le cose, hanno la capacità di abbandonarsi al demone della creatività senza esserne distrutte. Un esempio classico lo rinveniamo nell'Odissea. Ulisse volle ascoltare il canto delle Sirene ben sapendo il pericolo al quale andava incontro, ma fece in modo di vivere questa esperienza senza esserne sopraffatto. Il passo allude alla possibilità di vivere ed utilizzare l'esperienza invece che esserne vissuti. Esistono diversi modi per acquisire queste capacità e per noi occidentali l'analisi è lo strumento più congeniale. Esistono alcune pratiche provenienti dall'Oriente attraverso cui si può compiere la stessa evoluzione psichica e spirituale, ad esempio il Buddismo Zen. I "Koan" sono delle espressioni verbali che permettono alla persona di pensare e cadere nel vuoto allo stesso tempo. Si chiede all'allievo quale sia il suono di una sola mano che batte nell'aria. Si tratta di una domanda assurda, eppure l'allievo deve trovare una risposta. Pensare "all'Assurdo" significa avvicinarsi al processo primario, all'incoscio. Cosa significa infatti la parola "Assurdo"? Assurdo è ciò che l'Io non è in grado di udire. L'Assurdo, in altri termini, spinge l'Io verso altri centri di ascolto. Ciò che pare Assurdo rimanendo al di qua dell'orizzonte egoico, serba in verità una promessa. Assurdo è il canto delle Sirene perché annichilisce chi lo ascolta. Assurda può sembrare ad esempio l'esperienza del vuoto. Il vuoto, infatti, non sembra suscettibile di attribuzioni significative per la vita dell'uomo. Il senso comune può allora spingerci a connotare il vuoto come malattia, e per il senso comune la malattia è una soglia che è bene non oltrepassare. E' in parte quanto accade, ad esempio, nel caso di Ulisse. Scrive lo psichiatra viennese Viktor Frankl: "Non voglio dare l'impressione che il vuoto esistenziale in sé rappresenti una malattia mentale; il dubbio se la vita ha un senso è una disperazione esistenziale, un'angoscia spirituale, piuttosto che una malattia mentale... La ricerca di un significato dell'esistenza, anche il dubbio se un tale significato possa essere mai trovato, è qualcosa di umano e per niente morboso." D'altro canto non si può dar torto alle equazioni stabilite "naturalmente" dal senso comune tra vuoto, assurdo e malato. In effetti, nel momento in cui accediamo nell'orizzonte di questa volontà di significato, possiamo a buon diritto considerarci "malati". Ciò è vero anche per Jung. Ed è vero, in genere, dei pionieri, degli uomini di frontiera. Sostiene Winnicot, in una sua recensione dell'autobiografia di Jung Sogni, Ricordi, Riflessioni che questa possa considerarsi come un riuscito incontro con la schizzofrenia. L'uomo creativo come tutti gli altri uomini è pieno di complessi. Anzi sono proprio i complessi a costituire una delle sue più notevoli caratteristiche, anzi, per l'uomo creativo il complesso è allo stesso tempo un'entrata nel mondo.
I complessi appaiono riconducibili in qualche modo alle corde che legarono Ulisse. O, forse, sarebbe meglio dire che le Sirene sono i complessi e che le corde che legarono Ulisse sono l'immaginazione creativa. Le Sirene possono uccidere ma l'opera delle corde piega al vivibile e al bello il terribile ascolto del loro canto. Esiste dunque una relazione tra le Sirene e le corde, così come sembra esisterne una tra sofferenza e creatività, tra complessi e immaginazione creativa. Secondo quanto scrive Neumann "L'immaginazione creativa è intimamente legata al mondo dei complessi".

31 commenti:

  1. Grande Marina , l'immaginazione creativa per me è sinonimo di "entusiasmo " con cui mi scatta dentro l'"agere" simile alla " mètis" di Ulisse, ma scatena anche sofferenza quella che tu chiami "entrata nel mondo"! Un abbraccio immenso, Maria

    RispondiElimina
  2. Volpooneeeeeee
    la creativà è l'autodifesa dei nostri complessi,ci costringe a proiettare fuori deli opposti ,delle identità diverse da quelle che ci opprimono la creatività è un SE inalterato un opposto da forte a fragile e viceversa
    io non sono creativo perchè non grandi complessi
    buona domenica
    volpoooneeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
    il viandante

    RispondiElimina
  3. Ciao Preziosa Marina,
    continuando sulla scia del mito, dell’Odissea e di Ulisse molti sono i simbolismi, ma nell’essenza rappresentano sempre il cammino dell’uomo che cerca di innalzare se stesso attraverso le prove della vita. Come esiste una relazione interiore tra le sirene e le corde che gli permettono di superare quella prova, così esiste una relazione fra Ulisse e i Proci,,, Nel mito, qnado Ulisse torna alla sua Itaca, che cos’è l’arco di Ulisse che nessuno rivale riesce a tendere? E’ la spina dorsale che si flette per scoccare la freccia che deve passare attraverso le fessure di 12 scure (che rappresentano gli anelli della colonna vertebrale) I proci sono i tanti “IO” che abitano la nostra casa interiore, ecco perché nessuno di loro può flettere l’arco. L’arco è fatto con in corni di un ariete, proprio l’ariete che rappresenta il Lucifero, il “Capro”, la tentazione dei numerosi ego, e solo l’essere che è casto nel cuore vince nell’alchimia di trasmutazione del piombo in oro…, vince le tentazioni, l’impulso meccanico dell’animale che non ha preso coscienza di se.. Le 12 scure sono le qualità, le virtù. Lo stesso di trasformazione che viene conoscendo, esplorando i propri mondi interiori è presente nel mito del Cristo, la verginità, la Vergine Maria che non si riferisce alla madre fisica di uno dei TRE GESU’( Yeshua ben Panthera. Bar Abba e Yeshua Ben Yosef che non mori sulla croce) non ha nulla a che vedere con la persona, con la generatrice, “MARIA E’ LA MADRE MISTICA- Maria, Maya, Iside, Penelope ecc.. è colei che genera il Cristo, Penelope è colei che va sposa al vincitore della sfida, è la sposa che ci rende immortali è colei che da alla luce ogni potenziale Cristo….

    RispondiElimina
  4. Maria è la Divina Madre Interiore, è una archetipo è la POSSIBILITA’ CHE CI HA DATO LA NATURA DI ALZARCI OLTRE OLTRE , DI ANDARE OLTRE “L’ASSURDO” è una forza creatrice. L’immacolata concezione è totalmente spirituale ed esoterica.. Ciò che è immacolata è la nostra energia sessuale, è l’AMORE CHE VA IN MANIFESTAZIONE, donando vita ed amando tutto della vita, anche il lato oscuro, anche la parte più riluttante del nostro intimo, perché anche queste sono frioze del creato , servano per conoscere, per capire, per elevare l’essere… Il fiore di loto nasce dalla fanchiggia, ma si espande come un sole man mano che si mostra all’osservazione contemplativa degli esseri… L’immacolata è un simbolismo, tanto che viene innalzata attraverso l’ANNUNCIAZIONE, viene dall’Arcangelo Gabriele, il THWA egizo, che è LOGOS della LUNA che governa le maree, le acque, le ACQUE SEMINALI. Il calice di Ermete, che accoglie lo Spirito Santo il NEF egizio, la terza forza che renderà feconda una vergine innalzata ed istruita nei tempi dei misteri… L’unione è fra iniziati, è mistica, è consapevole di fondere quelle energie creatrice per accogliere consapevolmente PER QUELLA LEGGE UNIOVERSALE DI AFFINITA’ una ENTITA’ più EVOLUTA, affinché possa diventare nel tempo un FARO, UNA LUCE, un sentiero per gli uomini. Ogni vita in questo nostro mondo passa per la DIVINA DUALITA’ è una condizione necessaria, ma bisogna capire anche la natura degli esseri più evoluti, di questo nostro sistema, di questo nostro universo, che scelgono l’INGARNAZIONE COME MEZZO DI MANIFESTARE QUELLA FORZA COSMICA CHE CHIAMIAMO AMORE… Il resto è solo illusione, non esistono madonne che parlano dal cielo, tutto deve essere compiuto in questo mondo fatto di materia, di esseri e non di PROIEZIONI OLOGRAFICHE…
    Anche il Grandioso Michelangelo iniziato ai misteri conosceva queste verità sull’IMMACOLATA CONCEZIONE, tanto che nella sua ispirativa CREAZIONE ha creato apposta quell’ANOMALIA. che è sfuggita anche all’inquisizione di quel tempo.

    Osservate L’OMBELLICO DI ADAMO… non vi sembra strano???????????

    RispondiElimina
  5. Un esempio lampante nel dipinto della creazione di Michelangelo è sempre l'anomalia la chiave di lettura (come la lastra di Palegue) una anomalia che ci parla di una grande verità, Se osservate attentamente il dipinto, noterete in quella fantastica simbolica rappresentazione della creazione un Adamo che ha l’ombelico?
    ===================================================
    Perché? Perché dipingergli un ombelico? Significa che è stato generato mediante l’utero di una donna? Quindi, il primo uomo anch’esso è stato generato dal parto di una donna, da EVA? LOD HE’ VAU HE' è il nome del pentagramma, le quattro lettere del nome dio in ebraico HE’ VAU HE? è Eva? . Secondo la logica ebraica sulla costruzione delle parola questo significa che prima viene Hè Vau Hè e poi LOD HE’ VAU HE’.
    ===================================================
    Che Michelangelo conoscesse la dottrina segreta gli antichi alchimisti è scontato. Se poi osservate attentamente e guardate da vicina le pieghe del vestito di Dio, vi accorgerete che Michelangelo ha dipinto un ombelico nascosto; ANCHE DIO HA UN OMBELLICO?

    Che bella ri-scoperta che si riallaccia con il mito degli DEI, degli HELOIM , degli ANNUMAKI dei miti ebraico /babilonesi.

    RispondiElimina
  6. Scusami Carissima Marina,
    ma è giunto quel tempo di parlare di certe verità perchè come ha sempre detto Gesù SOLO LE VERITA' VI RENDERANNO VERAMENTE LIBERI dalla schiavitù imposta da esseri privi di un vero amorevole cuore.....

    RispondiElimina
  7. complimenti raffaele
    qui si puo fare un conclave dell'anima
    noi siamo sulla retta via
    come diceva caterina caselli la verità fò male
    qui c'è un pozzo di san patrizio di verità
    ..grazie di cuore amatissimo raffaele
    ...andiamo avanti
    il viandante
    VOLPONNNNEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    RispondiElimina
  8. Sono arrivata "nuotando",giungo sulla spiaggia,e ti lascio una conchiglia bianca di luna..sabato notte il plenilunio..Luna Fragola è uno dei tanti nomi della Luna di giugno.Il mio complesso ha sempre generato creatività ed umanità ,nel senso di empatia verso gli altri esseri umani..e più mi vergognavo del mio complesso più la mia creatività era sterile e puerile. Così sto pensando di erigere un monumento al mio complesso..un simulacro della Grande Madre..forse un omphalos in giardino..a proposito di ombelico..Marina,come si fa a calcolare la luna nel proprio segno? Un bacio..Amalia

    RispondiElimina
  9. ehilà belle donne..ci sono anch'io..ho seguito Amalia..Iside mi rimprovera..non dovevo dire belle donne..ma care amiche!!
    Sono curiosa di sapere gli aspetti planetari di Amalia!!Maaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaap

    RispondiElimina
  10. Amalia, Map,
    qui siamo sulla Penisola Incantata, regno di Circe figlia della Luna e del Sole...arte del tessere e del filare, si lavora incessantemente alla Grande Ruota del Destino nel entativo di dominare le stelle, perché, magia è Scientia Scientarum..."Il sapiente dominerà le stelle".
    Forza maghe, orsù: alla trama e all'ordito!

    RispondiElimina
  11. Raf,
    dopo ti leggo attentamente e ti rispondoooooooo....

    RispondiElimina
  12. Maria Allo adorata,
    ma ce l'hai una poesia sull'arte del tessere e del filare, sulle divinità lunari? Se sì, ti prego, pubblichiamola qui che ci serve un incantesimo....

    RispondiElimina
  13. TESOROOOOOOOONEEEEEE,
    ciao, baciuck, abrabaci, smack.
    Ti ha chiamato?

    RispondiElimina
  14. le MA-ghe : aMAlia MArina MAp
    il
    rito:
    Trama et ordito
    ordina Marina
    Maga blogghi
    Ma se non ci dai il filo
    che ti infilo?
    Stella stellina del mare marina..
    questo è mare questo è cielo
    Maga del centro aMar
    maga del sud aMap
    maga del nord. aMal
    Su per i monti giù per le valli
    giù nel mare e sù nei laghi
    Mi spieghi?
    Spiega dunque le ali
    majesta Marina
    e offrici almen ripar
    deh' che il bloggo Gabrielensis
    ci chiuse i portali..
    ed io mi ritrovo nullo facente..

    RispondiElimina
  15. per amalia http://www.astrologiainlinea.it/Grafica/Form_Input/Input_Dati_Tema.asp

    RispondiElimina
  16. Map, sei troppo simpatica, sei tu, no?, che hai scritto il filastRito?

    RispondiElimina
  17. volponcino e chi vuoi che mi chiama a me
    ...vado ad intuito
    ma chi vuoi che mi cerchi?
    è l'incoscio chee mi turba!

    il viandante

    RispondiElimina
  18. Non so chi abbia linkato www astrologiainlinea..ma grazie! E' stato molto istruttivo..ho la mappa stellare della mia nascita..allora ho Ascendente in Cancro,e una Luna in Acquario..(ci sta un poco stretta la Luna in un acquario..ah!)..Marina,mia Circe..che meraviglioso mondo nuovo si è aperto grazie a te,ed alla tua penisola..
    Map..facci un salto in quel sito,è interessante..magari tu ci capirai più di me..Anonima amalia

    RispondiElimina
  19. grullerella sono stata io la strega aMap!
    Bello vero? (grazie maga aMar...dell'ospitale amicizia del tuo blog blog blog marino..)
    Baci baci baci.

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Stregette,
    ce allegria che portate, venite...venite...

    RispondiElimina
  22. Se poi ci mettiamo anche gli stregoni e gli apprendisti si potrebbe organizzare anche un bel MAGICO festino, dove il suono del tamburo sarebbe accompagnato dalla voce delle sole parole "BALLA, BALLA, DANZA, DANZA, RIDI, RIDI CHE TI PASSA OGNI COSA" Che ripetuto tante volte diventa un mantra, un interruttore di certe vibrazioni interiori che producono STATI ALTERATI DI COSCIENZA che possono portare l'essere attraverso l'estasi nei mondi dell'anima...

    RispondiElimina
  23. Mi sono scordato di dire che è importante anche e soprattutto CANTAREEEEEEEEEEEEEEEEEE

    RispondiElimina
  24. RAFFAELEEEEEEEE,
    ma sei in vena...ah come me la mangerei una bella granita al caffé con panna a Taormina....slurp, gnam

    RispondiElimina
  25. Perchè non provi a fare un salto carissima amica mia....Sai dove trovarmi.....
    (a proposito come è finita con l'ombellico?)

    RispondiElimina
  26. Marina,perdona..se mi rivolgo a quella "strega di Map.." ma tu mi segui fino a casa di Marina giusto per farmi fare la figura della solita..Pollon Heidi che vive tra i moooonti..con le caprette che mi fanno ciaooo???""Comunque questa mattina ho cercato una pietra,sì per il progetto "ombelico",ma non posso pretendere di gareggiare con quella che stava a Delfi..pensavo ad un Ombelichino..formato tessera..quel che conta è il pensiero,l'idea..Poi mi sono lanciata nelle definizioni degli aspetti astrologici..cuspidi sestili trigoni..Cercherò il mio vecchio costume di carnevale di fata Turchina ed indosserò il cappello a punta di strega..Cambierò la A di amalia con una e e diventerò ufficialmente Amelia la fattucchiera che Ammalia..e che ce vò?

    RispondiElimina
  27. noooo.
    Io ti voglio bene tantissimo.
    Ed anche a Marina sopratutto da quando ho letto una cosa ..mi sento..ancora più cattiva..ce l'ho con il fato anch'io.
    Quindi:
    Ama-le Mappe Marine
    questo è.
    Riusciremo a capirci qualcosa in questa vita barlocca? Non lo so.
    Però proviamoci.
    Saranno le mie parole coriandoli che portano un pò di gioia? Ritaglierò tutte le cose che ho scritto e le scaglierò in cielo
    solo per farvi ridere un pò.E per dire a quel cielo..ora basta!Hai fatto abbastanza.Mappy.

    RispondiElimina
  28. Uhm..azzardo..forse si riferiva allo scontro con Mukele?..Amalia

    RispondiElimina
  29. Map..ma da dove ti proviene questa idea di essere cattiva,anzi Kattiva? Tipo Crudelia de Mon? Hai sequestrato qualche dalmata? I kattivi agiscono,non reagiscono.Quando uno reagisce a qualcosa che crede ingiusto,non è uno cattivo,è uno che non tollera l'ingiustizia.Tu,per me sei un tipo Atena..hai un profondo senso della giustizia e quando la si viola,alè sono mazzate con lo spadone...Giuste mazzate!

    RispondiElimina
  30. Map,
    credo che ciascuno di noi si trascini costantemente dietro la sua ombra. In fondo, Map. Cattivo è chi il cattivo fa! Se riusciamo ad accogliere i nostri brutti oensieri quelli più bui senza fare niente altro che osservarli ed accoglierli come parte di noi e senza metterli in pratica alimentiamo automaticamente le nostre virtù. Nel dizionario di Inconscio e della Magia di Gabriele puoi trovare una illuminante definizione di cosa siano nel loro significato ermetico il Vizio e la Virtù. SbaciucK!!!!!!!

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.