domenica 15 novembre 2009

Scegliere la via del cuore...



IL CAMMINO DELL'UOMO DI SAPERE TENDE ALL'ACCETTAZIONE DELL'INFINITO E L'INFINITO E' IRRAGIUNGIBILE...

"La necessità di seguire la strada che ha un cuore bilancia il valore negativo della transitorietà umana. Secondo questa metafora l'uomo deve continuare il suo cammino nonostante la condizione di transitorietà, e deve trovare le soddisfazioni e la realizzazione personale nell'atto di scegliere l'alternativa più ragionevole identificandosi completamente con essa.

Don Juan sintetizzò la giustificazione logica di tutte le sue conoscenze nell'affermazione che, per lui, la cosa più importante era trovare una strada che abbia un cuore e attraversarla in tutta la sua lunghezza. Con questa metafora intendeva dire che l'identificazione con un'alternativa ragionevole era sufficiente, così come era sufficiente il semplice viaggio, perché qualsiasi speranza di raggiungere una posizione permanente travalicava i confini del suo sapere."
(Carlos Castaneda, GLI INSEGNAMENTI DI DON JUAN)

12 commenti:

  1. Volpone
    stavo per risponderti ,quando hai cambiato il post
    ,adesso ti lascio domani ti riporto tutto quello che ha che fare con l'amore e l'uomo
    è tutto collegato ..poi ti spiego ho trovato un testo..
    Volputas sublimis
    buona notte
    dal viandante sublimis
    c'è lo possiamo permettere di essere un pò presuntuosi e lo sai perchè
    a domani e stammi bene
    Naddeo Rosario

    RispondiElimina
  2. ROSARIO,
    Volputas sublimis non mi aveva mai chiamato nessuno.
    Baci.

    RispondiElimina
  3. Molto Bello il post Marina, effettivamente, rincorrere l'infinito è il gioco della Vita .. Se è vero che non conta tanto la meta quanto il Viaggio che si compie nel raggiungerla ...
    Un bacione e Dolce Notte ;)

    RispondiElimina
  4. due sono i sentieri del risveglio; quello del guerriero e quello del sognatore
    (Don Juan)
    Ciao Carissima Marina un Buon Inizio Settimana

    RispondiElimina
  5. Zoè,
    speriamo di avere il coraggio di accettare volontariamente l'Infinito...
    Bac a te stella.

    RispondiElimina
  6. RAFFAELE,
    e chi ti frega a te!
    Baci fratello.

    RispondiElimina
  7. Io ho già accettato e non sempre è facile.
    Accettare l'infinito vuol dire accettarsi facenti parte di quell'infinito ma è così vasto quest'infinito che perdermi è facile, solo seguendo l'Infinito, lungamente, il cammino è costruttivo anche se difficile perchè le anime dove albergano i più nobili sentimenti sono quelle che soffrono di più..ed è una cosa incontrovertibile.
    O si accetta l'infinito in tutto il suo cammino o si cambia strada e tutto è più semplice.

    Buona giornata e buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  8. Calliope,
    la strada del cuore è una strettoia?

    RispondiElimina
  9. E' Difficile ... Ma in fondo quante occasioni abbiamo per provare?
    Una Buona Settimana :)

    RispondiElimina
  10. Zoè,
    tante, tante, continuamente.

    RispondiElimina
  11. Niente strettoia sorella ^_^

    RispondiElimina
  12. Cara Zoè,
    io aggiungo che spesso occorrono molte vite.

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.