martedì 6 ottobre 2009

L'essenza...


Portami un frutto di quell'albero di banano.
Eccolo venerabile signore.
Spezzalo.
Ecco fatto, è spezzato, venerabile signore.
Che cosa vedi?
Questi piccolissimi semi.
Adesso, figlio mio, spezzane uno.
Ecco fatto, venerabile signore.
Cosa vedi?
Nulla, venerabile signore.
Allora il padre disse:
La sottile essenza, mio caro, che tu dici, di non essere in grado di scorgere,
è quella stessa da cui prende vita l'albero. Credimi, mio caro.
Sappi che questa è la stessa sottile essenza del Sé che sta in tutto ciò che esiste.
Questa è la verità. Questo è il Sé.
E tu questo sei, Svetaketu.
(Chundogya, Upunishad, cap. 12)

15 commenti:

  1. L'essere umano è così cieco da non riuscire a scorgere l'essenza?

    RispondiElimina
  2. Guernica,
    ...ma non è mica facile sai? E' un percorso quello della consapevolezza e ci vuole una volontà ferrea e tale volontà va continuamente rinnovata e ci vuole il coraggio di accettare pienamente la transitorietà della vita presente e di percorrere una via del cuore in tutta la sua lunghezza... allora, solo allora, forse, si potrà intravedere l'essenza...ma essa, di fatto, è impenetrabile.

    RispondiElimina
  3. Alla fine ciò che veramente conta è invisibile...e richiede un atto di fede...
    sappiamo che qualcosa c'è ...ognuno lo definisce come meglio sente o crede....

    Ciao Marì

    RispondiElimina
  4. Bellezza! L'essenza rimane invisibile a chi ha gli occhi bendati, a chi rimane in superficie e a chi crede solo nelle cose visibili...
    Io la tua l'ho vista...è grande!

    Una miriade di baci, ChiaraStella

    RispondiElimina
  5. PAOLO,
    certamente.

    CHIARASTELLA,
    allora hai l'occhio percettivo...

    RispondiElimina
  6. Oltre a quella GIUSTA FEDE (conoscenza) ci vuole anche CORAGGIO e soprattutto TANTO AMORE.
    Ciao Carissima Amica del Cuore.

    RispondiElimina
  7. Raffaele,
    sì. L'avevo scritto anche a Guernica.

    RispondiElimina
  8. ...e poi lo dice anche la volpe...<< non si vede bene che col cuore.L'essenziale è invisibile agli occhi >>

    RispondiElimina
  9. FALCO,
    ho pudore a dirlo, ma non ho letto il piccolo principe. Stavo pensando che ti sei dato un nomignolo....lo sai che questa è una Necessità della Ghianda? Siamo esseri duali...un bacio

    RispondiElimina
  10. Falco,
    ma perché scusa, che forsi ti chiamo Falco di nome e In LIbertà di cognome?

    RispondiElimina
  11. spiritosella! Mi ero perso..ora ho capito

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.