martedì 24 febbraio 2009

Le idee sono la nostra miniera...


"La mia tattica è far esplodere piuttosto che spiegare; è mantenere idee brevi, fulminee, accese e disseminate, in qualunque modo possibile - con l'accesso polemico, il paradosso, o l'attacco violento alle convenzioni che ci sono care...come un 'investigazione, come una tavola rotonda, un'improvvisazione, un disegno a mano libera di cose non viste. Vi prego... Lasciate parlare le idee."

"Il primo significato classico, quello di idea come apparenza visibile, come immagine mentale o verbale chiaramente definita, è nato nell'era moderna con Cartesio (1596 -1650), che andava in cerca di idee chiare e distinte su cui basare la sua intera filosofia e ha fondato il nostro modo di pensare occidentale. Tale è il potere di un idea! Per i metafisici platonici le idee esistono in una realtà sovrasensibile, accessibile soltanto alla ragione, all'immaginazione e alla memoria - e forse alle pratiche magiche. Essi sostengono che le idee possono essere pensate, immaginate e ricordate - e forse manipolate (controllo della mente, propaganda, indottrinamento), ma non si possono toccare o sentire."

"Spesso passano di mente in mente senza appartenere ad alcuno. Talvolta la stessa idea può sorgere in luoghi diversi e in menti diverse contemporaneamente."

"Capovolgere le idee e guardarle attentamente diventa importantissimo per qualunque tentativo, di qualunque genere. Poiché diamo per scontate le nostre idee, le idee(come poteri sovrasensibili), senza che ce ne accorgiamo ci posseggono. E' per questo che indagare con cura le idee è liberatorio, e il favorirle ci arricchisce. C'è un'idea in particolare, però, che ostacola sin dall'inizio l'esame delle idee: la convinzione che siamo noi a crearle con la nostra testa, come se fosse il cervello umano a secernerle. Noi tentiamo di dissimularne l'autonomia del loro potere etichettando con nomi umani invenzioni...scoperte... Il poeta W.H. Auden ha guardato in trasparenza questa illusione umanistica che cerca d'imbrigliare la libertà delle idee, e ha concluso: Noi siamo vissuti dai poteri che vogliamo far credere di capire."

"La vitalità di una cultura non dipende tanto dalle sue speranze e dalla sua storia, quanto dalla sua capacità di covare volentieri le forze divine e demoniache delle idee."

(James Hillman, IL POTERE, Bur, pag.33..36)

16 commenti:

  1. ..bellissimo post...complimenti
    un saluto

    RispondiElimina
  2. Upupa cara ho visitato il tuo blog ma Blogger non mi ha permesso di lasciarti un commento. te lo lascio qui.

    CIAO UPUPA,
    RICAMBIO LA VISITA...CHI CI FA VISITA ONORA LA NOSTRA CASA.
    DETTO QUESTO, NON PARLARMI DI SCUOLA!
    SONO MADRE DI DUE RAGAZZE AUTISTICHE E NON PUOI IMMAGINARE COSA HO PASSATO I QUESTI ULTIMI VENTITRE ANNI CON LA SCUOLA...OLTRE ALLA NOIA INFINITA CHE PROVAVO COME SCOLARA ALL'EPOCA, NONOSTANTE AVESSI LA MEDIA DEL NOVE.
    QUI, INVECE D'ANDARE AVANTI VERSO NUOVI ORIZZONTI, ANDIAMO INDIETRO NELL'IMPERO BORBONICO SCOLASTICO...
    SALUTI.
    A PRESTO.
    LA PENISOLA INCANTATA. NOMIGNOLO DI NOI ABITANTI (ME E LE MIE DUE RAGAZZE) MARINARIANNACHIARA

    RispondiElimina
  3. Il mondo delle idee è quello dell'ispirazione divina. Attingere a quel mondo è stabilire un legame con il divino. Le idee ("visioni della mente) sono pensieri di conoscenza, sostanza eterea, su cui l'uomo non può mettere i "diritti d'autore" (nel senso più generale), perchè appartengono ad altre sfere.
    L'organo che possediamo (il cervello), è solo uno strumento che collega la mente al corpo, come una centrale di smistamento.
    Qui per mente si intende un concetto astratto e non fisico; la mente è impalpabile, la mente pensa, non il cervello che effettua invece, un processo biochimico.
    La mente pensa in quanto attinge alle idee e le filtra attraverso la sua visione soggettiva, le lega a sè, ma non è la creatrice di tale sostanza.

    Marina, con i tuoi post, ci devo riflettere un pò prima di scrivere, perchè non posso affrontarli con leggerezza e superficialità, sono concetti troppo importanti e intricati.

    Grazie!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  4. Ti ricordi Elisa di quel mio post, il primo di questo blog ISPIRAZIONI, che ho scritto al debutto, appunto delle mie ispirazioni, quando ancora non avevo letto tante cose...insomma, prima sono venute le idee e poi vennero i libri dei Grandi a dare a me, assolutamente nessuno, conferma delle mie intuizioni. Io penso che Q/qualcuno mi stia aiutando...altrimenti, senza le idee credo che non ce l'avrei fatta.
    Al'inizio m'impressionavo, poi, piano piano mi hanno abituata (C/chi non lo so) finanche ad esperienze che in questo momento non mi sento di condividere...forse un giorno ti spiegherò...quando arriverà il momento.
    Baci. Marina

    RispondiElimina
  5. Sempre per Elisa, per debutto non intendo del blog, intendo anni fa.
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Si, infatti mi ricordo questo argomento. E ti dico con le parole di Francesco Alberoni: "Fortunati coloro a cui l’ispirazione parla forte e fortunati coloro che possono afferrarla e seguirla.”

    Un bacio. Buonanotte a te.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Non credo di poter aggiungere parole, qui.
    Però ti lascio il mio sorriso.

    RispondiElimina
  9. Cara Marina...ti capisco,e condivido pienamente ciò che hai detto...ma questa benedetta scuola DEVE funzionare....
    un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Ciao Amore Vitaedamore! Che gioia sentirti!
    Come stai, angelo?

    RispondiElimina
  11. Ciao Marina.
    Su ciò che hai scritto sò di cosa parli.
    Anch'io molti anni fa, quando avevo 19 anni la mia vita e la mia mente aveva preso un altra strada, in cui ispirazione e tante altre cose mi avevano portato ad una forte sete di conoscenza, in cui certe volte mi spaventavo da sola nel raggiungere certi livelli e credevo che "qualcosa o qualcuno" volesse che prendessi questa strada. Invece in questi anni ho perso man mano l'ispirazione e ho lasciato tante cose che ora mi mancano. Nel mio caso avviene, se sto più in mezzo alla gente più perdo quello che ho dentro e più mi si svuota la testa.
    Quando scrivi certi post mi ritornano in mente alcuni argomenti di cui mi interessavo molti anni fa, ma che li avevo dimenticati.

    RispondiElimina
  12. Mary, non so se hai letto il mio post ISPIRAZIONI. MI puacerebbe che lo facessi.
    baci.
    Marina

    RispondiElimina
  13. Ho visitato il blog (l'ulitma acquila reale), ma non funziona nel pubblicare i post.

    RispondiElimina
  14. Ora funziona, anche la continentale. Baci

    RispondiElimina

Sii educato,grazie e benvenuto.